Il Burkina Faso ha annunciato l’interruzione delle relazioni diplomatiche con il governo del Taiwan, sferrando un duro colpo al riconoscimento internazionale che la piccola democrazia autogestita fatica a ottenere, a causa dei tentativi cinesi di isolarla sulla scena globale.

Leggi anche La questione dello status politico di Taiwan.

Senza fare alcuna menzionare diretta alla Cina, il Ministro degli Esteri del Burkina Faso ha detto che “l’evoluzione del mondo e le sfide socio-economiche della nostra regione ci hanno costretto a riconsiderare la nostra posizione“. La crescente influenza economica e geopolitica della Cina in Africa rende infatti difficile per i Paesi africani rimanere allineati con Taiwan.

Quest’ultimo ha immediatamente messo fine ai suoi programmi di aiuti in Burkina Faso e annunciato che chiuderà la sua ambasciata nel Paese, accusando la Cina di attrarre i Paesi africani con la promessa di ingenti aiuti.

Leggi anche La Cina (ri)costruisce l’Africa e in cambio si assicura risorse a buon mercato.

Pechino, che ha subito accolto con favore la decisione del Burkina Faso auspicando “un’amichevole cooperazione il più presto possibile“, ha negato le accuse del Taiwan, sostenendo che questo è parte della Cina e quindi non ha diritto a legami diplomatici formali con nessun altro Paese.

Il ministro degli esteri cinese Wang Yi e il ministro degli Esteri del Burkina Faso Alpha Barry partecipano alla cerimonia di firma che stabilisce le relazioni diplomatiche tra i due Paesi a Pechino, il 26 maggio 2018. Credits to: Thomas Peter/AP.

Il ministro degli esteri cinese Wang Yi e il ministro degli Esteri del Burkina Faso Alpha Barry partecipano alla cerimonia di firma che stabilisce le relazioni diplomatiche tra i due Paesi a Pechino, il 26 maggio 2018. Credits to: Thomas Peter/AP.

La rottura diplomatica con il Burkina Faso, che ha già firmato un documento con la Cina che stabilisce i legami diplomatici tra i due Paesi, lascia ora il Taiwan con un solo alleato diplomatico in Africa – il piccolo regno dello Swaziland – e con relazioni formali in tutto il mondo con altri 17 Paesi, soprattutto in America centrale e nel Pacifico, tra cui il Vaticano.

Il Burkina Faso è il quarto Paese a tagliare i legami con il Taiwan dal 2016. La Repubblica Domenicana ha dichiarato il mese scorso che stabilirà relazioni diplomatiche con Pechino, citando l’intenzione di migliorare i legami commerciali, come avevano già fatto Panama e São Tomé e Príncipe.

di Samantha Falciatori
Samantha Falciatori
Leave a reply

Lascia un commento