Ogni settimana Zeppelin, in collaborazione con la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Carolina Albasio, porta ai propri lettori i Political Briefing di EuVisions, un osservatorio in partnership tra l’Università di Milano e il Centro Einaudi di Torino, progetto finanziato dall’European Research Council, che approfondisce le principali notizie europee.

La Brexit andrà governata

La COPA-COGECA, ovvero la principale sigla sindacale Europea degli Agricoltori, ha fatto presente che la Brexit potrebbe minacciare seriamente il settore agricolo, poiché un aumento delle imposte doganali ostacolerebbe le trattative tra le imprese. Come riportato da EurActiv, in un rapporto di 156 pagine COGECA ha chiesto alla Commissione Europea di intervenire con adeguate misure compensative entro il 2019, al fine di contrastare gli effetti negativi dell’uscita del Regno Unito dall’Unione.

Francia, trapelano piani segreti per attuare strategie impopolari

In Francia le elezioni legislative continuano a rimanere al centro dell’attenzione. Secondo un’analisi di Le Monde, 1 candidato su 3 appartenente al movimento di Emmanuel Macron, La République en Marche, non ha alcuna esperienza politica pregressa. La LREM è destinata a vincere le elezioni con il 30% dei voti.

Intanto i dibattiti riguardo la riforma del lavoro, rimangono uno dei temi più accesi. Dopo che Le Parisien ha rivelato l’esistenza di un piano segreto per attuare una serie di politiche impopolari, il Ministro del Lavoro Muriel Pénicaud ha negato le dichiarazioni del quotidiano francese. Tuttavia, mercoledì 7 anche il quotidiano Libération ha pubblicato alcuni documenti trapelati riguardanti un programma governativo non più segreto.

La Commissione Europea minaccia sanzioni a difesa del piano di ricollocazione dei migranti

Martedì 6 la Commissione Europea ha avvertito il cosiddetto gruppo di Visegrad (stati membri dell’Europa orientale, n.d.t ) che è pronta ad applicare sanzioni dalla prossima settimana nel caso in cui non venisse rispettata la politica di ricollocamento concordata dagli Stati membri dell’UE nel settembre del 2015. L’annuncio dell’istituzione europea è avvenuto dopo che la Repubblica Ceca si è detta contraria ad accogliere i migranti provenienti dalla Grecia e dall’Italia.

Mercoledì 7 un ex deputato dell’Unione Democratica Cristiana (CDU), Wolfgang Bosbach, ha chiesto al governo di non accogliere nel paese i migranti sprovvisti di documenti d’identità. È recente la rivelazione dei media secondo cui 2 migranti su 3 non possiedono alcuna carta d’identità.

La storia infinita

In Grecia, la Union of Greek Shipowners di Theodore Veniamis ha voluto controbattere alla dichiarazione di Wolfgang Schäuble, Ministro tedesco delle Finanze, secondo il quale il governo greco dovrebbe aumentare le imposte ai proprietari navali del paese. Secondo Veniamis, le parole di Schäuble sono dettate da meri interessi nazionali e mirano a tutelare unicamente l’industria navale tedesca. Nel frattempo, la Commissione Europea ha sostenuto le azioni intraprese dal governo di Syriza nell’ambito dell’attuale accordo di salvataggio. Infine, un portavoce del Palais Berlaymont ha chiesto ai creditori internazionali di mantenere le promesse date e di concedere qualche agevolazione finanziaria al paese, come riportato da EurActiv.

La dichiarazione

I piani della BCE sono imperscrutabili come quelli di Dio. Tuttavia, rispettiamo pienamente il fatto che stia unicamente alla BCE decidere se la Grecia debba rientrare nel programma di alleggerimento quantitativo“.

Euclid Tsakalotos, Ministro delle Finanze greco.

Fonte: Handelsblatt, 06.06.2017

Le cifre

40 miliardi di euro

La quantità di denaro che la Commissione Europea ha proposto di mobilitare entro il 2027 per favorire lo sviluppo militare dell’Unione.

Il vice -Presidente della Commissione Jyrki Katainen ha detto che è fattibile predisporre investimenti in tal senso (per far fronte insieme alle sfide della contemporaneità) anche senza passare dalla modifica dei trattati Credits to: [European Commission]

Fonte: EurActiv, 07.06.2017


 

Questa serie di contributi è pubblicata grazie alla collaborazione di Zeppelin con

e

La traduzione dall'inglese è di Federica Vanzulli
Redazione
Leave a reply

Lascia un commento