Amnesty e i crimini di guerra dei ribelli ad Aleppo

Leggi anche

La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di quei fenomeni che travalicano i confini naturali di quella terra. Per questo motivo la nostra Rivista seguirà più da vicino la guerra siriana, che in realtà sono tante guerre diverse e sovrapposte, in modo da fornire un quadro sempre aggiornato e il più chiaro possibile.
siria logo
Per evitare l’assedio totale di Aleppo-est e difendere l’ultima via di rifornimento, i ribelli che combattono l’YPG nel quartiere di Sheikh Maqsoud stanno commettendo crimini di guerra, tra cui, secondo Amnesty International, un presunto caso di utilizzo di agenti chimici. Questo è quello che sappiamo.

Usando armi imprecise sui quartieri civili, le fazioni armate che attaccano Sheikh Maqsoud stanno palesemente violando il principio di distinzione tra obiettivi civili e militari, una regola fondamentale del diritto internazionale umanitario“, ha dichiarato Magdalena Mughrabi, Vicedirettore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

Le fazioni armate in questione sono quelle che fanno parte di Fatah Halab, una coalizione militare che opera nell’area di Aleppo, e di cui fanno parte anche le islamiste Ahrar al-Sham e Jaish al-Islam. Il quartiere di Sheikh Maqsoud, a nord di Aleppo, è un quartiere a maggioranza curda da mesi al centro di feroci scontri tra il fronte ribelle e le milizie dell’YPG, che al momento lo controllano. Il motivo degli scontri è che l’YPG sta tentando di interrompere l’ultima linea di rifornimento a disposizione dei ribelli verso la parte est di Aleppo, da questi ultimi controllata. La Castello road (nota come “strada della morte” per via dei cecchini dell’YPG che sparano a chiunque la percorra) è l’ultima vitale via di rifornimento per ribelli e civili che ancora si trovano ad Aleppo est e che sono esposti ai bombardamenti indiscriminati sia dell’aviazione siriana che russa (che colpiscono anche gli ospedali). Riuscire nell’intento (di tagliare quella strada) significherebbe assedio totale per Aleppo est, una tragedia umanitaria senza precedenti per i 90.000 civili che rimarrebbero intrappolati senza cibo né medicine.

Per i ribelli è dunque imperativo impedire alle milizie dell’YPG (e di Assad) di porre Aleppo est sotto assedio; tuttavia i metodi adottati annoverano crimini di guerra secondo Amnesty, che li accusa di aver effettuato bombardamenti indiscriminati con razzi, mortai e hell cannon (un cannone artigianale i cui proiettili sono bombole di gas da cucina imbottite di esplosivo e dotate di alette) su Sheikh Maqsoud, dove vivono 30,000 civili e dove la situazione umanitaria è grave: secondo il rapporto, sono 83 i civili, tra cui 30 bambini, uccisi tra febbraio e aprile (mentre sarebbero 23 quelli uccisi nello stesso periodo dagli attacchi dell’YPG sulle zone in mano ai ribelli). Colti nel mezzo dei combattimenti con i ribelli a ovest, nord ed est, i civili potrebbero fuggire a sud, verso le aree controllate dal regime, ma le truppe siriane, sempre secondo il rapporto, non permettono ai civili di lasciare Sheikh Maqsoud, se non ai feriti gravi, e hanno anche posto restrizioni ai viveri che possono entrare nel quartiere, ossia solo pane e verdure. Secondo i residenti, le farmacie di Sheikh Maqsoud sono vuote, molte hanno chiuso.

Hell cannon usato dai ribelli ad Aleppo, 2014. Credits to: Karam Almasri/NnurPhoto/REX
Hell cannon usato dai ribelli ad Aleppo, 2014. Credits to: Karam Almasri/NnurPhoto/REX

Ad aggravare la situazione, ci sono le accuse dell’impiego di agenti chimici da parte di Jaish al-Islam, che secondo Amnesty il 7 aprile “potrebbe aver usato” razzi contenenti gas chimici contro Sheikh Maqsoud, intossicando 6 civili e 2 combattenti dell’YPG. La fonte è un medico che ha curato gli intossicati quel giorno, i quali sostengono di aver visto fumo giallo dopo il bombardamento, cosa che secondo un tossicologo consultato da Amnesty, che ha visionato un video, potrebbe essere dovuto al gas clorino; tuttavia in mancanza di rilievi o campioni non è possibile stabilirlo con certezza. La leadership di Jaish al-Islam ha condannato l’uso di “armi non autorizzate”, senza però specificare quali e senza menzionare agenti chimici. In questo comunicato del 7 aprile stesso sosteneva:

Comunicato stampa di Jaish al-Islam, 7/04/2015.
Comunicato stampa di Jaish al-Islam, 7/04/2015.

Durante gli scontri, uno dei comandanti di Jaish al-Islam ha impiegato armi che non era autorizzato a usare [..] È stato deferito alla Corte Militare per ricevere un’adeguata pena secondo il Codice Penale Militare di Jaish al-Islam”.

In un’intervista di pochi giorni dopo l’accaduto, il leader di Jaish al-Islam, Mohammed Alloush, ha negato e il possesso e l’uso di gas chimici, precisando che le armi impiegate contro Sheikh Maqsoud erano missili Grad, armi convenzionali secondo il diritto internazionale.

Contraddizione? Non proprio, dato che i missili Grad 122 mm rientrano effettivamente nel novero delle armi convenzionali, solo che a non essere stato autorizzato da Jaish al-Islam è stato l’uso che se ne è fatto – come ha dichiarato il portavoce del gruppo – ossia per operazioni di guerriglia, che hanno provocato la morte di civili.

Per accertare l’uso di agenti chimici, bisognerebbe raccogliere prove o campioni, che finora mancano; inoltre, se Jaish al-Islam li avesse usati, resterebbe da chiarire come avrebbe fatto ad ottenerli. Le armi chimiche siriane sono state al centro di un processo di smantellamento da parte dell’ONU stabilito dopo l’attacco al sarin sul quartiere damasceno di Al-Ghouta il 21 agosto 2013, a seguito del quale, su proposta di Israele, la Russia evitò un (già allora improbabile) intervento militare americano contro il regime siriano, colpevole di aver oltrepassato la “linea rossa” sull’uso delle armi chimiche.

[ecko_alert color=”gray”]Leggi anche Attacco chimico a Damasco, 2 anni dopo.[/ecko_alert]

Sebbene fino ad allora il regime siriano avesse negato di possedere armi chimiche, con quell’accordo fu costretto non solo ad ammettere di averle, ma anche a cederle per la distruzione. Tuttavia, il regime continuò a utilizzare gas chimici, principalmente gas clorino, sulle aree controllate dai ribelli, come molte inchieste dell’ONU e di varie associazioni umanitarie hanno ampiamente documentato. Anche se è stato dimostrato che il regime siriano non ha consegnato in realtà tutto il suo arsenale chimico, rimane da spiegare e dimostrare come avrebbero fatto i ribelli a mettere le mani su gas chimici.

[ecko_alert color=”gray”]Leggi anche Il gas clorino che piove dal cielo siriano[/ecko_alert]

In ogni caso, a seguito delle accuse di Amnesty, il 15 maggio l’Operation Room di Fatah Halab ha diramato questo comunicato in cui si legge:

Fatah Halab riafferma la sua piena aderenza al diritto internazionale umanitario e il suo massimo sforzo per tutelare i civili in ogni area, anche quelle fuori dal suo controllo. L’Opeartion Room prende nota delle dichiarazioni di alcune organizzazioni umanitarie riguardo presunte violazioni del diritto internazionale umanitario. Inchieste su queste accuse verranno iniziate immediatamente per accertarsi che tutti i combattenti abbiano agito secondo gli ordini di rispettare pienamente il diritto internazionale umanitario e per prevenirne le violazioni”.

Di certo, a pagare il prezzo più alto sono i civili presi in mezzo ai combattimenti intorno ad Aleppo, dove tutte le parti belligeranti commettono crimini di guerra, con mezzi e proporzioni diverse; è il regime siriano che mantiene il triste primato di vittime civili in tutto il Paese, anche impiegando armi non convenzionali e vietate, come il gas clorino, i barili bomba e le bombe a grappolo.

Percentuale delle morti civili registrate dal Syrian Network for Human Rights tra il 1° e il 31 aprile 2016. Da sinistra a destra: Coalizione a guida USA, ribelli, Russia, regime siriano.
Percentuale delle morti civili registrate dal Syrian Network for Human Rights tra il 1° e il 31 aprile 2016. Da sinistra a destra: Coalizione a guida USA, ribelli, Russia, regime siriano.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Cosa farà l’Italia in Consiglio di Sicurezza dell’Onu

Quali sono le posizioni che il nostro Paese sosterrà presumibilmente durante il suo mandato sui temi più importanti dell’agenda internazionale.

Il conflitto tra le nevi del Kashmir

Scontri a fuoco con l'esercito pakistano acuiscono le tensioni in una delle regioni abitate "più alte del mondo", il Kashmir.

Lo scacchiere siriano dopo l’attacco chimico al Sarin

L'attacco chimico al sarin su Khan Sheikhoun e l'intervento americano conseguente hanno segnato un evento spartiacque nelle dinamiche e nei rapporti di forza del...

Ci sono state le elezioni alle isole Falkland / Malvinas

Le isole sono un territorio non autonomo gestito dal Regno Unito e la cui sovranità è rivendicata dall'Argentina. Ma con la Brexit le cose potrebbero complicarsi.

Le zone di de-conflitto e la spartizione della Siria

Ad Astana Russia, Iran e Turchia preparano "le carte" per una spartizione della Siria.

Obama: mandare truppe in Siria sarebbe un errore

" il mio unico interesse è fermare le sofferenze e tenere al sicuro gli americani. Se qualcuno ha una buona idea per farlo, la...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi