Come è andato il ballottaggio in Austria

Leggi anche

Dopo un estenuante testa a testa per le elezioni presidenziali austriache, il candidato indipendente sostenuto dai Verdi, Alexander Van der Bellen, ha battuto, seppur per una manciata di voti, l’esponente dell’ultradestra nazionalista Norbert Hofer. Una vittoria per nulla scontata, quella del professore di Economia all’Università statale di Vienna chiamato a succedere al socialdemocratico Heinz Fischer, in carica dal 2004.

Poco più di 31 mila voti di scarto hanno separato Norbert Hofer, esponente del Partito di estrema destra FPÖ, dal suo avversario (ormai Presidente eletto) Alexander Van der Bellen, candidato indipendente appoggiato dal partito dei Verdi austriaci che ha raggiunto il 50,3% delle preferenze al turno di ballottaggio di domenica.

L’affluenza è stata da record. Quasi il 73% dei cittadini austriaci si sono recati alle urne per questa insolita tornata elettorale dove i grandi assenti non erano i partiti di estrema destra o di estrema sinistra, ma bensì quelli “storici”, come il Partito socialdemocratico SPÖ (di cui fa parte l’attuale cancelliere Christian Kern) e il Partito popolare ÖVP, il cui leader è l’ex ministro dell’Economia Reinhold Mitterlehner, che ha ricoperto l’interim dopo le dimissioni di Werner Faymann.

Rudolf Hundstorfer (SPÖ) si è fermato all'11,3% mentre Andreas Khol (ÖVP) non è andato oltre all'11,1% / © Ministero dell'Interno austriaco
Rudolf Hundstorfer (SPÖ) si è fermato all’11,3% mentre Andreas Khol (ÖVP) non è andato oltre all’11,1% / © Ministero dell’Interno austriaco

L’esito delle Presidenziali non è stato per nulla scontato, anzi. L’avanzata dell’ultradestra al primo turno, che aveva raggiunto il 35% dei consensi (49,7% al ballottaggio), era stata accolta con entusiasmo dai leader neonazionalisti di tutta Europa, partendo proprio dal numero uno del Front national francese, Marine Le Pen e dal segretario della Lega Nord in Italia, Matteo Salvini.

La situazione, in Austria, è tutt’altro che chiara e limpida. Infatti dopo le elezioni politiche del 2013 il Partito socialdemocratico, vincitore “parziale”, è stato praticamente costretto a formare un Governo di coalizione con i Popolari, mentre è rimasto escluso dal secondo turno per la corsa alla presidenza della repubblica della scorsa settimana. Questo è stato un duro colpo per l’SPÖ che ha visto le dimissioni del cancelliere Faymann e il successivo rimpiazzo prima di Mitterlehner e poi di Kern.

Un Presidente accademico ed ecologista, un Governo di “larghe intese” composto da centrodestra e centrosinistra, e una destra reazionaria e ultranazionalista che continua a raccogliere consensi tra i nove stati federati, questa è la caotica situazione politica austriaca.

La “pseudo-sconfitta” austriaca è un’occasione persa per i neonazionalisti di tutt’Europa che vedevano, proprio nel turno di ballottaggio dello scorso weekend (ma anche nella stessa figura politica del rampollo proposto dall’FPÖ), un punto di appoggio per la creazione di una più ampia rete di partiti e movimenti euroscettici.

Per ora queste ambizioni, antistoriche e anacronistiche, sono state “bloccate”, anche se sarebbe un errore pensare che l’ultradestra ne sia uscita sconfitta.

di Omar Porro

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi