Cosa è stato il “Diesel Gate” Volkswagen

Leggi anche

Di Giovanni De Gregorio
Lo scandalo della frode sulle emissioni dei motori Volkswagen esploso alla fine di settembre e i suoi effetti sui mercati.

La dichiarazione rilasciata dalla Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti riguardo l’installazione di software in grado di falsare i test di emissione da parte della famosa casa automobilistica Volkswagen ha sollevato un polverone di critiche e commenti riguardo il mercato automobilistico e in particolare quello europeo. La frode sui test delle emissioni ha avuto conseguenze negative per l’azienda tedesca sia per il danno di immagine subito sia per il rischio della sanzione che potrebbe essere inflitta. Gli effetti del diesel gate non si sono limitati alla singola azienda o soltanto al territorio della Germania, ma hanno avuto portata sistemica: la notizia ha interessato il mercato europeo e i seguenti mercati connessi portando a ribasso i listini e infliggendo un altro duro colpo all’Europa, già sotto pressione e accerchiata da altre crisi.

Gestione del rischio. Volkswagen è un’azienda composta da 600 mila persone che esporta veicoli per 300 miliardi di euro all’anno. Considerata la dimensione dell’azienda è impossibile pensare che al momento della scelta di utilizzare dei software in grado di manomettere i test non siano state considerate le eventuali conseguenze. Prima di decidere se compiere un’operazione, viene condotta un’analisi costi-benefici mettendo in contrapposizione i profitti che derivano dall’operazione con le perdite che si potrebbero subire a causa di un evento negativo, in questo caso una sanzione. L’accettazione del rischio ha mostrato l’inefficacia dell’elemento deterrente del sistema sanzionatorio. Il regime di responsabilità delle imprese (anche penale) dovrebbe essere definito in maniera strutturata, in modo da limitare le condotte di azzardo morale. Se consideriamo, inoltre, come la notizia non sia neanche pervenuta dall’Europa, questo fa dubitare anche sul sistema dei controlli a monte a tutela del consumatore.

Il mercato europeo. Se le difficoltà del gigante di Wolfsburg perdureranno, gli effetti economici negativi avranno una scala europea. La reazione dei mercati è stata d’esempio: i danni provocati dai membri del mercato unico si ripercuotono sugli altri. Questo è il prezzo da pagare per formare un polo economico capace di competere con gli Stati Uniti da un lato e la Cina dall’altro.

Se le cose dovessero precipitare sarebbe auspicabile l’intervento pubblico per supportare l’azienda? Certo, si manterrebbero i posti di lavoro, ma la Germania aggraverebbe la sua posizione finanziaria, e si alzerebbero probabilmente i tassi d’interesse sui Titoli di Stato tedeschi. Inoltre gli aiuti di Stato sono espressamente vietati dai Trattati UE, e ci sarebbe un costo politico da pagare per far sì che venga eventualmente accettato dalla Commissione.

La guerra commerciale. La dinamica degli eventi potrebbe far pensare a un mossa che vada a vantaggio dell’industria automobilistica americana. Se ci fosse concesso pensare male, questa indagine EPA potrebbe essere stata favorita e caldeggiata dall’industria automobilistica statunitense (specializzata sui motori a benzina) contro l’industria automotive europea (specializzata nel diesel), che sta lentamente guadagnando quote di mercato oltreoceano.

Intanto le indagini continuano e si estendono anche ad altre case automobilistiche aumentando la tensione dei mercati nel settore e delle aziende coinvolte. L’aria sarà anche più pulita adesso, ma a che prezzo? 

Extra: Holliwood starebbe già lavorando per farne un film.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Gli accordi di pace in Qatar tra Talebani e Stati Uniti

il 29 febbraio 2020 nei pressi di Doha (Qatar), gli Stati Uniti e i Talebani hanno firmato un accordo di pace che potrebbe portare al ritiro delle truppe americane dal paese nel giro di 14 mesi, oltre a una sostanziale apertura del dialogo tra i talebani e Ashraf Ghani, attuale presidente del governo di Kabul, orientato all’estinzione di uno dei conflitti più cruenti e longevi del secolo.

Yemen, l’ONU offre un accordo per fermare l’offensiva su Hudaida

Per giorni le Nazioni Unite hanno portato avanti una battaglia diplomatica in Yemen per impedire l'offensiva della Coalizione a guida saudita sulla città portuale...

I grandi piani energetici dell’Uruguay

L'Uruguay ha dimostrato attraverso una politica energetica coraggiosa che è possibile creare le condizioni per diminuire fortemente l'uso dei combustibili fossili.

Nagorno-Karabakh: le ragioni di un conflitto decennale

Il conflitto fra Armenia e Azerbaijan è la disputa di più lunga durata fra quelle che hanno caratterizzato l’area post-sovietica sin dal crollo dell’URSS....

Jihadisti del Daghestan: dalla Russia alla Siria

Secondo le inchieste di Reuters e Novaya Gazeta le autorità locali russe avrebbero incoraggiato militanti islamici a lasciare il Paese per unirsi a Isis.

Brasile: aperta la procedura di impeachment

Di Christian Piscopo In Brasile il consenso per Dilma Rousseff ha toccato il minimo storico del 9% e la Camera dei deputati ha aperto la...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi