Cosa sappiamo (e non) dell’attentato in Turchia

Leggi anche

Ennesimo attentato nella capitale turca. Questo volta l’obiettivo è un convoglio militare che sta percorrendo il centro della città, in particolare la zona del Parlamento e del Quartier Generale dell’Aeronautica. 28 morti, 61 feriti. Un’offesa che contribuisce ad innalzare ulteriormente la tensione nella regione e che porta con sé tanti punti interrogativi.


La possibilità di un’invasione turca della Siria con unità terrestri si fa sempre più concreta. I punti interrogativi, inquietanti, ci spingono a chiederci chi ci sia dietro l’ennesimo attentato compiuto sul suolo turco, come sia stato organizzato e perché.

La polizia ritiene di aver individuato il kamikaze in Saleh Nejar, 24 anni, curdo-siriano entrato in Turchia a luglio come rifugiato e la cui identificazione sarebbe stata possibile grazie alla comparazione delle impronte digitali dell’attentatore con quelle prese a suo tempo dalla polizia di frontiera. Il movente del giovane, che le forze di sicurezza di Ankara ritengono essere membro delle milizie curdo-siriane dell’Ypg e che avrebbe agito con l’aiuto di una decina di persone, sarebbero i massacri perpetrati dall’aviazione turca nel sud est del paese a maggioranza curda e nel Kurdistan in generale.

Tutto finito, quindi. Il colpevole identificato (e morto), i complici arrestati, il mandante scoperto. Applausi alla polizia turca per la celerità con cui è stato risolto il caso, e al Governo turco, così sicuro di sé che poche ore dopo l’esplosione già bombardava le milizie curde dislocate in Iraq per rappresaglia.

Lungi dal suggerire oscuri complotti internazionali, qualche dubbio, diciamolo, rimane. L’azione sarebbe stata decisa sette mesi fa, al momento in cui Saleh Nejar entrò in Turchia come rifugiato o solo successivamente? Perché il PKK o le milizie YPG al momento non hanno rivendicato l’azione? Ma anzi negano il loro coinvolgimento? Dove e come si sarebbe procurato tale quantitativo di esplosivo? Se le forze di sicurezza turche sapevano che il giovane era membro delle milizie YPG, come mai non lo hanno respinto alla frontiera? E perché girava liberamente per la Turchia? Come è stato possibile in poche ore individuare il cadavere dell’attentatore, recuperare le sue impronte digitali dalle mani carbonizzate e confrontarle con quelle prese sette mesi prima ad uno dei migliaia di rifugiati provenenti dalla Siria?

Ma soprattutto, perché mai i curdi, che grazie all’appoggio delle grandi potenze stanno strappando vaste zone di territorio iracheno al controllo di Daesh e che vedono vicina come non mai la possibilità di costituire un Kurdistan indipendente, dovrebbero fornire alle forze armate turche un motivo per attraversare il confine e soffocare decenni di lotte, speranze ed estremi sacrifici?

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi