Anche Guatemala e Paraguay aprono le loro ambasciate a Gerusalemme

Leggi anche

Appena due giorni dopo la contestata apertura dell’ambasciata statunitense a Gerusalemme, che ha scatenato proteste e la conseguente dura reazione israeliana che ha portato alla morte di oltre 60 palestinesi, anche il Guatemala ha aperto la sua ambasciata a Gerusalemme.

Il presidente Jimmy Morales e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu hanno partecipato all’apertura dell’ambasciata mercoledì 16 maggio a Gerusalemme ovest, durante la quale Netanyahu ha dichiarato:

Non è un caso che il Guatemala stia aprendo la sua ambasciata a Gerusalemme, proprio tra i primi. È sempre stato tra i primi. È stato il secondo Paese a riconoscere lo Stato di Israele”.

La nuova ambasciata guatemalteca a Gerusalemme, 15 maggio 2018. Credits to: REUTERS/Ronen Zvulun.
La nuova ambasciata guatemalteca a Gerusalemme, 15 maggio 2018. Credits to: REUTERS/Ronen Zvulun.

La decisione del Guatemala di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di trasferirvi l’ambasciata aggiunge ulteriori tensioni nella comunità internazionale, dopo la condanna per la medesima mossa americana. Il Marocco ad esempio ha già sospeso i piani per un gemellaggio con la capitale del Guatemala in segno di protesta.

Dopo il Guatemala, anche il Paraguay del Presidente Horacio Cartes è in procinto di aprire la sua ambasciata a Gerusalemme, con una cerimonia che si terrà domani, 22 maggio, a meno di due mesi dalla fine del suo mandato presidenziale. La questione rischia di diventare controversa in Paraguay dato che il Presidente Mario Abdo Benitez, che gli succederà, non sarebbe stato consultato.

A metà aprile, anche in Honduras il Congresso nazionale aveva approvato una mozione in favore del trasferimento dell’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme e in Repubblica Ceca il presidente Miloš Zeman aveva detto il mese scorso che avrebbe avviato le procedure per trasferire l’ambasciata a Gerusalemme.

Non passa dunque inosservato il fatto che si tratta per lo più di Paesi dell’America Centrale e Meridionale: secondo gli analisti il motivo di tali decisioni non è solo rafforzare i legami con un Paese alleato, ma anche “ingraziarsi” gli Stati Uniti di Trump. Guatemala, Paraguay e Honduras, oltre ad avere tutti problemi di politica interna, sono anche tutti dipendenti dai legami commerciali e politici con gli Stati Uniti e dai loro aiuti economici, senza contare che migliaia di loro cittadini vivono negli Stati Uniti e che recentemente Trump ha promosso espulsioni di massa di molti cittadini e lavoratori provenienti dall’America centrale e Latina. Si tratta dunque anche di mosse strategiche.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi