Il doppio assedio di Deir ez Zor e l’offensiva di ISIS

Leggi anche

La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di quei fenomeni che travalicano i confini naturali di quella terra. Per questo motivo la nostra Rivista seguirà più da vicino la guerra siriana, che in realtà sono tante guerre diverse e sovrapposte, in modo da fornire un quadro sempre aggiornato e il più chiaro possibile.
siria logo
Nella città petrolifera di Deir ez Zor sono in corso feroci combattimenti tra truppe siriane e ISIS, nel mezzo di una grave crisi umanitaria. Ecco perché l’offensiva è così importante.

Nel mese di gennaio ISIS ha lanciato un’offensiva su vasta scala sulla parte governativa di Deir ez Zor nel tentativo, riuscito, di tagliarla in due interrompendo le vie di rifornimento dell’esercito siriano. Si tratta dell’offensiva militare più massiccia da quando Deir ez Zor cadde in parte in mano a ISIS nel 2015.

Credits to: Daily Mail
Credits to: Daily Mail

Deir Ezzor è una città strategica situata nel deserto orientale della Siria, più o meno a metà strada tra Raqqa e il valico di Qaim, sul confine iracheno. L’area circostante è ricca di pozzi petroliferi, indispensabili al Califfato per autofinanziarsi. Deir ez Zor è finita nel mirino di ISIS nel 2015 e da allora è divisa in due, una parte in mano ai terroristi, che hanno cinto d’assedio l’altra parte, arroccata, in mano al regime. Questa nuova offensiva per conquistare la città nella sua interezza si spiega in parte con le sconfitte che ISIS sta subendo in Iraq, in particolare a Mosul, in parte con la necessità di garantirsi una città alternativa a Raqqa, attuale “capitale” del Califfato in Siria e oggetto di un’operazione di riconquista lanciata dall’YPG curdo e della Coalizione internazionale.

Inoltre, anche al Bab, roccaforte dell’ISIS a nord di Aleppo, è da mesi al centro dell’offensiva da nord condotta dalla Turchia e dalle milizie di Scudo sull’Eufrate cui, dopo la caduta di Aleppo, si sono aggiunti gli sforzi bellici del fronte governativo siriano che preme da sud. Se al Bab e Raqqa dovessero cadere, è imperativo per l’ISIS assicurarsi un’altra città da usare come base e Deir ez Zor, per posizione geografica e risorse economiche, è la soluzione migliore.

Utilizzando l’inganno e facendo credere alle truppe governative che avrebbero attaccato certi quartieri attaccandone poi in realtà altri, in pochi giorni ISIS è riuscito ad avanzare e a dividere in due l’area governativa, strappando alle truppe siriane importanti quartieri e isolando varie postazioni militari, tra cui l’aeroporto militare e i suoi depositi di armi; il tutto anche grazie all’ausilio di armi e mezzi pesanti conquistati a Palmira. Il punto focale della battaglia di Deir ez Zor è infatti l’aeroporto militare, da dove partono i caccia siriani che conducono bombardamenti contro le zone in mano a ISIS. Finora però le offensive degli uomini del Califfo sono fallite e l’aeroporto ha resistito, rimanendo in mano alle truppe siriane.

Mappa militare di Deir ez Zordella Siria aggiornata al 23/01/2017. Credits to: Peto Lucem
Mappa militare di Deir ez Zor aggiornata al 23/01/2017. Credits to: Peto Lucem

Sebbene i drammatici sviluppi su altri fronti del conflitto siriano, a cominciare da Aleppo, abbiano oscurato le vicende di Deir ez Zor, qui come altrove, la situazione umanitaria è catastrofica. L’aviazione siriana, con il supporto di quella russa, ha intensificato i bombardamenti sulle aree residenziali in mano a ISIS, provocando decine di vittime civili, che si registrano anche nella parte governativa. ISIS ha anche distrutto l’ultimo ospedale civile situato nell’area sotto il controllo governativo di Deir ez Zor, lasciando circa 100mila persone senza strutture mediche. Anche aerei della Coalizione internazionale conducono dei raid nell’area intorno a Deir ez Zor, in sostegno al New Syrian Army, una forza militare anti-ISIS di cui avevamo parlato qui. Lo scorso ottobre un raid della Coalizione aveva ucciso Abu Muhajir al-Maghribi, uno dei leader militari di ISIS.

Credits to: AFP/Ahmad Aboud
Deir ez Zor durante gli scontri – Credits to: AFP/Ahmad Aboud

Presi tra due fuochi, i civili di Deir ez Zor sono sottoposti a quello che di fatto è un doppio assedio: da un lato l’assedio vero e proprio da parte di ISIS, dall’altro quello che i residenti chiamano un assedio “interno” operato dal regime, in quanto quest’ultimo impedisce ai civili di fuggire. Prima che l’aeroporto finisse sotto assedio, il regime imponeva il pagamento di ingenti somme per lasciare la città in aereo partendo dall’aeroporto, alimentando un traffico di corruzione ed estorsione. Ciò ha creato problemi riguardo gli aiuti umanitari, che difficilmente possono essere distribuiti, di fatto bloccando il tentativo operato da quanti provano a far entrare viveri in città.

I residenti lamentano il fatto che il regime neghi l’accesso alle organizzazioni umanitarie e abbia negato l’utilizzo dell’aeroporto di Deir ez Zor per permettere agli aiuti dell’Onu di arrivare. Si stima che siano 200mila le persone assediate a Deir ez Zor. Tuttavia vi è una differenza fondamentale tra questo assedio e tutti gli altri in territorio siriano: qui a volte sia l’aviazione siriana che russa riescono a scaricare dal cielo tonnellate di aiuti dell’Onu sui quartieri assediati. A seguito dell’offensiva in corso l’Onu ha annunciato la sospensione dei voli umanitari. Si tratta comunque di aiuti insufficienti, tanto che malnutrizione e malattie infantili sono in aumento e si sono registrati casi di morte per fame.

Oltre a ciò, i civili devono fare i conti con arresti arbitrari e repressione, sia nelle aree governative che in quelle in mano a ISIS: se da un lato la situazione umanitaria è molto peggiore nelle aree governative a causa del doppio assedio, dall’altro nelle aree in mano a ISIS i civili devono convivere con le assurde leggi del sedicente “califfato”: sono frequenti e ben pubblicizzate le brutali esecuzioni pubbliche e i roghi di quanti vengono accusati di apostasia, di tradimento o di essere informatori del regime siriano o dell’YPG curdo.

Recentemente ISIS ha divulgato un video, girato nella periferia di Deir ez Zor, che mostra un bambino giustiziare tre uomini che hanno confessato di essere informatori dell’YPG. In un’altra occasione hanno arso vivi quattro uomini per le medesime motivazioni.

I combattimenti per il controllo di una delle più importanti città siriane sono ancora in corso, ma finora le truppe siriane non sono riuscite a ricongiungere l’area dell’aeroporto, che resta assediato, con il resto della zona governativa.

Mappa militare della Siria aggiornata al 22/01/2017. Credits to: Thomas van Linge
Mappa militare della Siria aggiornata al 22/01/2017 – Credits to: Thomas van Linge
di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi