Le notizie più rilevanti della settimana, raccolte da Zeppelin, nell’International Weekly Brief.
13-19 SETTEMBRE
La sospensione di fatto degli accordi di Schengen in Europa, il golpe in Burkina Faso, il terremoto in Cile, tra le notizie più rilevanti dal mondo, nella settimana appena trascorsa.

Desaparecidos. 38 persone hanno perso la vita mentre cercavano di raggiungere l’isola greca di Farmaco (Dodecaneso) altre 22 sono annegate prima di arrivare a Kos. Nelle acque del Mediterraneo sono affogate 2800 persone dall’inizio dell’anno.

Fase 2. Il sì da Bruxelles è arrivato e EUNAVFOR MED la missione militare europea (a guida italiana) istituita per contrastare i trafficanti di uomini che nel Mediterraneo gestiscono i flussi migratori illegali è finalmente autorizzata ad intraprendere azioni militari contro gli scafisti purché si trovino in acque internazionali.

Goodbye Bordless Europe. Il 15 settembre l’Ungheria ha chiuso il confine con la Serbia e contestualmente ha approvato un disegno di legge che ha reso l’immigrazione irregolare un reato perseguibile penalmente; tant’è che 174 profughi sono stati arrestati. In Croazia sono arrivate 17.000 persone in 3 giorni. I confini tracciati con il nero (mappa) sono quelli dove sono stati reintrodotti temporaneamente i controlli alle frontiere.

_85630511_balkans_migrants_624_v7

credits: Bbc

A spasso. Sono più di due milioni i migranti forzati presenti sul territorio turco. La sola città di Istanbul “accoglie” 330.000 rifugiati siriani. Solo 260.000 persone vivono all’interno dei campi profughi allestiti sul territorio nazionale. 1.800.000 individui sarebbero quindi senza assistenza di alcun tipo.

100.000. Il numero delle tende disponibili e inutilizzate a Mina in Arabia Saudita. Occupate solo per pochi giorni all’anno dai pellegrini in visita alla Mecca, si trovano in un campo (a 2.200 miglia di distanza dalla Siria) attrezzato per ospitare sino a 3 milioni di persone.

Hotspot. L’Italia ha accettato di istituire sul territorio nazionale centri d’identificazione e permanenza temporanei. La Germania e l’Austria escludono la possibilità di implementare un qualsiasi sistema di quote per la “ripartizione” dei migranti forzati (tra i paesi che aderiranno all’iniziativa europea), prima che questi centri diventino realmente operativi.

Correlazioni spurie? Si rileva che all’aumento della presenza militare russa in Siria corrisponde una diminuzione della tensione nel Donbass.

Watch out. La Cina continua a preoccupare i suoi vicini. La Marina indiana riferisce della necessità di dotarsi di almeno 200 navi  da guerra (disponibili entro il 2027) che andrebbero ad aggiungersi alle 137 in forza ad oggi.

Libertà d’ azione. Per i talebani e altre sigle jihadiste in Afghanistan. 350 prigionieri (qualcuno più qualcuno meno) sono evasi lunedì da un carcere situato nella provincia di Ghazni, preso d’assalto da un gruppo di militanti talebani. Nel paese gli attentati si susseguono. Le Forze di sicurezza nazionali afghane unitamente a quelle Nato costituiscono i bersagli privilegiati dell’offensiva annunciata dai talebani lo scorso 24 aprile.

Colpo di stato. Gli uomini del generale Gilbert Diendéré il 16 di settembre hanno preso il potere in Burkina Faso. Nell’ottobre del 2014 sollevazioni popolari avevano costretto l’ex presidente Campaoré (in carica da 27 anni) alle dimissioni e da allora si era insediato un governo di transizione che avrebbe dovuto portare i cittadini di nuovo al voto il prossimo 11 ottobre.

Re della Collina. Crescono le tensioni tra israeliani e palestinesi per il controllo di uno dei luoghi più sacri al Mondo, la Spianata delle Moschee a Gerusalemme. Soldati israeliani hanno fatto irruzione all’interno della Moschea di Al-Aqsa armati di gas lacrimogeni e e granate stordenti per arrestare quelli che loro chiamano “i lanciatori di pietre” palestinesi.

Turismo responsabile. Le forze di sicurezza egiziane alla ricerca di terroristi islamici nel deserto occidentale del paese hanno erroneamente aperto il fuoco su un gruppo di turisti che si era fermato nei pressi di un’oasi. Il bilancio del tragico incidente è di 12 morti e altrettanti feriti.

Pena capitale. I 7 responsabili dell’attentato del 26 giugno nella moschea sciita di Al-Imam al-Sadeq a Kuwait City sono stati condannati a morte.

Trema la terra, si alzano le acque. In Cile dove 12 persone sono morte, 15 sono rimaste ferite e oltre 1.000.000 sono state evacuate dalle loro case a seguito del sisma che ha colpito il paese. La scossa più forte è stata registrata giovedì, magnitudo 8.3 e l’epicentro è stato individuato al largo della baia di Canela. Revocata l’allerta Tsunami sull’intero territorio nazionale.

Normale amministrazione. La Corea del Nord riavvia l’impianto per la produzione di carburante da destinare alla realizzazione di ordigni nucleari.

Abbandonare la pace. I soldati nipponici potranno combattere al di fuori del territorio nazionale. Il disegno di legge è stato approvato anche dalla camera alta del parlamento (Dieta). Perchè il Giappone divorzia dalla Costituzione pacifista?

Articolo 68. Il Senato della Repubblica Italiana ha assolto dall’accusa d’istigazione all’odio razziale un parlamentare che nel 2013 paragonò una collega a un orangotango in quanto: i membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni (..)

Incredibile. Secondo il Washington Post la visita del Papa negli Stati Uniti avrebbe mobilitato il più grande apparato di sicurezza della storia americana.

Eliza Ungaro
Eliza Ungaro
Leave a replyComments (0)

Lascia un commento