La Cina rinuncerà alla politica del figlio unico

Leggi anche

Nel 1979 la popolazione cinese era il 25% della popolazione mondiale, ma la Cina possedeva – e possiede – solo il 7% delle terre coltivabili. Fu per questo motivo che i politici del Partito comunista cinese guidato dal riformatore Deng Xiao Ping, spaventati da un’eventuale bomba demografica capace di disgregare lo sviluppo economico, istituirono la regola del figlio unico, e con essa un enorme apparato di pianificazione familiare. Erano 300 mila gli ufficiali con compiti di controllo sulle nascite. La regola del figlio unico fu anche inserita all’interno della Costituzione (artt. 25 e 49) e prevedeva alcune eccezioni – pagamento di multe onerose, minoranze religiose, aree rurali e contadine, ecc. Sono note storie di violenze, aborti indotti e sterilizzazioni forzate, mai ammesse ufficialmente dal governo, che anzi ha spesso vantato il successo della normativa: nei 35 anni di applicazione si è evitata la nascita di 400 milioni di persone. Come conseguenza di questa scelta drastica di politica demografica è emerso negli anni il problema della “gendercide“, l’eliminazione sistematica di nascituri di sesso femminile.

Nel 2013 c’è stato un aggiornamento normativo che tra le altre cose permetteva di avere due figli ai soli genitori che fossero entrambi figli unici. Questa situazione potrebbe ulteriormente allentarsi entro l’anno prossimo, scrive China Business News, citando fonti del governo. Non esiste ancora un calendario, ma la Commissione sanitaria per la pianificazione nazionale avrebbe dichiarato che è in progetto una normativa che permetterebbe fino a due figli per ogni coppia cinese.

I motivi di questo secondo cambio di passo in appena tre anni – dopo 35 anni di controlli serrati – possono essere diversi. Secondo Lu Jiehua, professore di demografia dell’Università di Pechino, la pressione pubblica ha avuto il suo ruolo, anche grazie ad internet, che ha permesso a 650 milioni di cinesi di conoscere alcune situazioni derivate dalla politica del figlio unico che altrimenti sarebbero rimaste sconosciute. Ma il motivo principale è probabilmente più concreto. La bomba demografica che il governo cinese ha tentato di scongiurare nel ’79 ora potrebbe rivoltarsi contro i propri pianificatori: gli esperti avvertono infatti che 1,3 miliardi di cinesi stanno invecchiando rapidamente, e la forza lavoro disponibile calerà presto. Il paese avrà 440 milioni di over-sessantenni entro il 2050, e senza una svolta demografica le risorse del governo per il welfare saranno messe a dura prova. Basti pensare che l’anno scorso la popolazione in età lavorativa è scesa di 3,71 milioni di unità. Un trend che la Cina deve invertire, e probabilmente invertirà. Ciò che 35 anni fa era visto come un problema per lo sviluppo oggi deve tornare ad essere una risorsa della potenza: la demografia.

Commenti

  1. […] Du sheng zi nv zheng ce. Il nome di quella che, per 36 anni, è stata una delle più emblematiche politiche cinesi, finalizzata al controllo della crescita della popolazione. Pechino ha annunciato giovedì la fine della politica del figlio unico, permettendo ad ogni coppia di avere due figli, con l’obiettivo di aumentare forza-lavoro e consumi interni. Noi l’avevamo previsto qui. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi