Come vanno i colloqui di pace sulla Siria

Leggi anche

La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di quei fenomeni che travalicano i confini naturali di quella terra. Per questo motivo la nostra Rivista seguirà più da vicino la guerra siriana, che in realtà sono tante guerre diverse e sovrapposte, in modo da fornire un quadro sempre aggiornato e il più chiaro possibile.
siria logo
Due conferenze parallele: una dell’opposizione siriana in Arabia Saudita, e una dei curdi, in Siria. Quali sono i risultati e le prospettiva in vista dei successivi colloqui di pace che si terranno a New York?

In vista del terzo round dei colloqui di pace che proseguiranno a New York il 18 dicembre, l’Arabia Saudita ha ospitato la più grande conferenza dell’opposizione siriana, tenutasi il 9 e il 10 dicembre, a cui sono state invitate tutte le realtà delle opposizioni siriane, compresi i curdi (tanto che un curdo è stato eletto nel Comitato); esclusi da questa conferenza sono state invece le milizie curde dell’YPG, che hanno tenuto negli stessi giorni un congresso indipendente nella provincia orientale di Hasaka (Siria). La mancata presenza dell’YPG è dovuta alle relazioni che esso ha con il regime siriano, da cui riceve sostegno e armi, cosa che lo rende al di fuori dell’opposizione siriana. Questi sono i risultati delle conferenze.

[ecko_alert color=”gray”]Conferenza di Riyad[/ecko_alert]

Lo scopo era riunire l’opposizione in vista del processo politico stabilito dai colloqui di Vienna, secondo cui entro il 1° gennaio, regime siriano e opposizione, dovranno incontrarsi per dare vita a un governo di transizione.

Grafico del piano di pace di Vienna. Credit to: Al Araby
Grafico del piano di pace di Vienna / Credit to: Al Araby

Alla Conferenza di Riyad hanno partecipato:

  • il Consiglio Nazionale Siriano, che è il principale organo politico dell’opposizione riconosciuto da 7 Paesi ONU (compresa l’Italia) e che rappresenta la Siria alla Lega Araba (dopo l’espulsione nel 2012 della rappresentanza del governo di Assad);
  • il Comitato di Coordinamento Nazionale per il Cambiamento Democratico, un organo tollerato dal governo siriano, che dal 2011 chiede negoziati con Assad;
  • fazioni dell’FSA;
  • Jaysh al-Islam e Ahrar al-Sham, entrambe nel Fronte Islamico (per inquadrare queste fazioni si rimanda alla guida).

Per la lista completa dei partecipanti clicca qui.
Controversa la presenza di Ahrar al-Sham, la fazione più potente nell fronte dei ribelli, che ha ottenuto le maggiori vittorie sia contro le truppe siriane che contro ISIS, finanziata da Turchia, Qatar e facente parte dell’Army of Conquest (“Esercito della Conquista”), una coalizione in cui combatte anche la milizia islamista di al-Nusra.

Ahrar al-Sham è stata fondata da un salafita che fino al 2011 si trovava nelle carceri siriane, poi liberato da un’amnistia decisa dal governo Assad e morto nel 2014. Sebbene Ahrar al-Sham non abbia affiliazioni con al-Qaeda, la collaborazione militare con al-Nusra preoccupa alcune potenze, come Russia e Iran, che la considerano una fazione terroristica; gli Stati Uniti invece – trasudando realismo politico – si sono detti aperti al dialogo, purchè Ahrar al-Sham partecipi seriamente al processo politico.

La Conferenza ha prodotto un accordo che prevede nel prossimo futuro una Siria “inclusiva e democratica”, l’avvicendamento del Presidente Assad all’inizio del periodo di transizione, un sistema pluralistico che rappresenti tutto il popolo siriano, che includa le donne e non discrimini su basi religiose, confessionali o etniche, la preservazione delle istituzioni statali, la riforma dei servizi militari e di sicurezza. Il risultato è la formazione di un corpo di rappresentanza di 25 membri (Higher Negotiations Committee) e una segreteria di 32 membri che sceglieranno i delegati che negozieranno con il governo siriano entro i primi 10 giorni di gennaio. Questo comitato, pur essendo a maggioranza araba, vede comunque la presenza di rappresentanti alawiti, cristiani, druzi e curdi, questi ultimi nella persona di Abdulhakim Bashar, ex Presidente del Consiglio Nazionale Curdo.

Tuttavia l’opposizione chiede prima al governo siriano una dimostrazione di buona volontà, ossia la fine degli assedi delle città in mano ai ribelli e dei bombardamenti sui civili, la sospensione delle pene capitali e la scarcerazione dei prigionieri politici (per il comunicato stampa clicca qui). In realtà, non è stato facile raggiungere il consenso: Ahrar al-Sham si è ritirata il secondo giorno dei colloqui, accusando la Conferenza di aver dato un ruolo primario al Comitato di Coordinamento Nazionale per il Cambiamento Democratico, ritenuto una creazione del regime siriano, e rigettando ogni compromesso con il potere costituito. Le altre parti, pur chiedendo l’uscita di scena di Assad, sono pronte a negoziare con il regime, posizione che alla fine ha prevalso portando anche Ahrar al-Sham alla firma finale.

Un grande passo avanti per l’opposizione che però il Presidente Assad, in una intervista alla TV spagnola EFE, ha già delegittimato come interlocutore, non riconoscendola come legittima opposizione in quanto formata “all’estero senza basi in Siria”. Considerando però che questa è l’opposizione siriana e che con questa si dovrà confrontare ai prossimi colloqui, non resta che attendere gli sviluppi diplomatici delle prossime settimane.

Congresso di Hasaka, 8/12/2015. Credit to: AFP/ Delil Souleiman
Congresso di Hasaka, 8.12.2015 / Credit to: AFP – Delil Souleiman

[ecko_alert color=”gray”]Congresso di Hasaka[/ecko_alert]

Al Congresso, il primo organizzato dai curdi e denominato “Conferenza per la Siria Democratica”, hanno partecipato 103 rappresentanti del partito curdo PYD e delle Syrian Democratic Forces (SDF), la coalizione militare anti-ISIS che opera nell’est della Siria, nonché altre organizzazioni curde, arabe e assire, che hanno criticato la Conferenza di Riyad da cui sono stati esclusi. Dal congresso è uscito un programma che prevede il ruolo centrale dei curdi nel post-guerra e una Siria decentralizzata e garante dei “diritti nazionali del popolo curdo”. È stata inoltre stabilita la creazione di un’assemblea di 42 membri che sarà l’organo politico delle SDF.

L’obiettivo di medio termine si conferma essere, come avevamo visto qui, la creazione di un Kurdistan autonomo per il popolo curdo; una Siria decentrata (così come auspicato dai curdi) collide con l’idea di unità statale richiesta invece dall’opposizione siriana. Alla base degli scontri tra YPG ed FSA ad Aleppo ci sarebbe proprio questa questione che, in sostanza, spiega il motivo delle due conferenze separate.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Parlamento europeo: cresce (ma non sfonda) la Destra euroscettica

Quali sono le sorti del Parlamento europeo in vista del voto di maggio? Ecco le previsioni sulla suddivisione dei seggi studiate dal Kantar Group.

I primi passi di un gigante: il Brasile degli anni ’50

Dopo aver analizzato le politiche messe in atto dal governo Vargas per favorire lo sviluppo economico del Brasile, seguono, alcune considerazioni sugli effetti sociali...

Cosa sono i derivati finanziari

Una rapida panoramica su uno strumento sempre più utilizzato da attori privati e statali: i derivati finanziari, i loro rischi e la loro utilità.

Argentina e Cile hanno raggiunto un importante accordo commerciale

È stato raggiunto un accordotra Cile e Argentina: si delineano le forme della "comunità" economica sudamericana, tra l’Alleanza del Pacifico e il Mercosur.

Cosa si è detto al summit europeo di Malta sull’immigrazione

Il nuovo piano europeo sull’immigrazione presentato al summit informale di Malta piace a tutti perchè non vincola nessuno.

Ma parliamo un po’ dell’Andorra

L'Andorra, la piccola nazione Europea schiacciata sui Monti Pirenei fra la Spagna e la Francia, priva di sbocco al mare e dipendente dalla Repubblica Francese e il Regno di Spagna, gioca un ruolo interessante nello scacchiere Europeo: è un importante "decompressore" delle dinamiche socio-economiche fra i due paesi ed è porto franco per molti traffici.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi