L’autunno libico

Leggi anche

Dopo un estate burrascosa, anche in Libia è arrivato l’autunno. Ed è un autunno confuso come quelli che l’hanno preceduto, su quella che resta un’ambita e detestata “quarta sponda” per l’Italia.

In Libia prosegue la lotta per il potere tra due fazioni ormai ufficiali, e riconosciute come interlocutori: la fazione di Tripoli, del governo di Al Serraj, e quella di Tobruk, sotto la guida del generale Khalifa Haftar. Ma questo già lo sappiamo. A loro si aggiungono svariate milizie e tribù, di cui alcune molto potenti. Ci sono anche alcuni gruppi jihadisti, tra cui il sedicente “stato islamico”, che sebbene fortemente indebolito dopo la sconfitta di Sirte, si sta guadagnando nuovo spazio.

Il governo di Serraj, seppur sostenuto dalle Nazioni Unite resta molto debole, mentre Haftar, con l’appoggio dell’Egitto e della Russia, si presenta ogni giorno di più come un interlocutore obbligato per chi vuole fare affari in Libia – ovvero un sacco di gente.

Negli ultimi giorni si sono verificati alcuni fatti rilevanti: dopo tre anni è stato riaperto il porto di Bengasi e l’OPEC ha aumentato le quote di produzione della Libia di Tripoli, così da sostenere l’economia del paese. Haftar nel frattempo ha ricordato la sua importanza negli equilibri nordafricani e mediterranei, ripetendo come il suo ruolo sia fondamentale nel contenere gli “islamisti”, consigliando a europei e occidentali di non immischiarsi in questo suo impegno, condiviso anche dal presidente egiziano Al Sisi. Se l’Europa ci tiene tanto a mettere il becco in Libia – dice Haftar – che fornisca elicotteri, mezzi e denaro per fermare i migranti. Nonostante il suo curriculum non proprio limpido, ciò gli consente di ottenere attenzione.

click per ingrandire

Il pragmatico Ministro degli Interni italiano Marco Minniti, anche per gestire la cosiddetta crisi dei migranti, ha assunto molte prerogative del suo collega agli Esteri, Angelino Alfano. Minniti, dopo aver fatto sospettare accordi poco chiari con diverse milizie libiche, ha sottolineato l’importanza di Haftar. Il generale non ha perso l’occasione e s’è recato a Roma senza troppo rumore, come rileva con lieve disappunto la stampa francese. Con un certo tempismo, visto che la situazione volge sempre più a favore suo e delle milizie che lo appoggiano.

Restano i dubbi sul destino dei migranti affidati alle cure libiche, che siano delle milizie, del governo di Serraj o di quello di Haftar. In realtà, viste le informazioni sui campi di prigionia in funzione, qualche idea siamo in grado di farcela.

La Guardia costiera libica, generosamente sostenuta dall’Europa, ha cominciato a difendere in maniera aggressiva il proprio spazio marittimo dalle ONG che si ostinano a compiere operazioni di salvataggio mare, operazioni che sono state ostacolate nel tentativo di scoraggiare le partenze dei migranti e la spola tra due sponde del Mediterraneo delle loro imbarcazioni. Dopo le critiche sollevate nei mesi scorsi sul loro ruolo, le ONG ora sono minacciate da attacchi fisici: un effetto collaterale di quella che molti vorrebbero fosse la “Fortezza Europa”.

di Federico De Salvo

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Il Libano ha finalmente un nuovo Presidente

È Michel Aoun, ex militare e politico cristiano maronita. La sua elezione ridefinisce gli equilibri regionali sancendo una vittoria dell'Iran sull'Arabia Saudita.

Addio alle armi in Colombia

Il governo colombiano e le F.A.R.C.-E.P. hanno deciso di porre fine al conflitto armato che ha dilaniato il paese per oltre 50 anni.

Safe zone turca in Siria: cosa sta accadendo?

La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di quei fenomeni...

Mars One: se il mondo non basta

Se il mondo non basta più, allora l'umanità ha bisogno di guardare oltre il confini dell'atmosfera. Il Nuovo Mondo potrebbe essere a più di sei mesi di viaggio dalla Terra.

Cosa significa la morte di Rama IX, Re di Thailandia

È morto il Re thailandese, Bhumibol Adulyadej. Amato dal popolo, figura politica (e morale) di grande importanza nel Paese. Cosa succederà adesso?

Lo scacchiere siriano dopo l’attacco chimico al Sarin

L'attacco chimico al sarin su Khan Sheikhoun e l'intervento americano conseguente hanno segnato un evento spartiacque nelle dinamiche e nei rapporti di forza del...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi