Modernità e diritto alla privacy

Leggi anche

Lo sviluppo tecnologico degli ultimi anni ha fatto emergere l’esigenza di tutelare il diritto dei singoli protezione dei dati personali: fino a che punto, però, il diritto alla privacy deve essere garantito, qualora dalla sua strenua osservanza possano derivare gravi minacce alla sicurezza nazionale?

Era il 15 dicembre 1890 quando sulla Harvard Law Rewiew, la più famosa rivista giuridica statunitense, apparve l’articoloThe right to privacy” di Samuel Warren e Louis Brandeis, due giovani avvocati di Boston che, a causa di vicende personali che li videro coinvolti, si posero per la prima volta un quesito destinato a rimanere senza risposta: quale rapporto intercorre tra il diritto all’informazione e il diritto alla riservatezza?

Il diritto alla privacy sarebbe nato, negli Stati Uniti, in seguito alla disgregazione della società feudale, come privilegio del cittadino borghese di conservare una sfera personale inviolabile e inconoscibile da terzi, definito da Brandeis “the right to be let alone”. Mentre oltreoceano, originariamente, la privacy non era considerata la realizzazione di un diritto “naturale” proprio di ogni individuo, in Europa questa concezione si affermò già nel Settecento – anche grazie a William Pitt il Vecchio, primo ministro del Regno Unito dal 1766 al 1768 – come un diritto che il cittadino aveva conquistato affrancandosi dalla sudditanza nei confronti della Corona.

Qualche secolo dopo, nel 1950, si avvertì la necessità di inserire tale diritto nella CEDU all’art. 8, tra i diritti fondamentali dell’uomo. Ciò implicò il bisogno di disciplinarlo all’interno delle Carte Costituzionali nazionali, attraverso codici ad hoc ed autorità garanti in materia di protezione dei dati personali.

Negli ultimi anni, il massiccio incremento dell’utilizzo delle nuove tecnologie ha contribuito a riaccendere il dibattito relativo ai limiti che possono essere previsti in merito all’esercizio del diritto alla privacy e a far sorgere l’impellenza della questione riguardante il rapporto tra riservatezza personale e sicurezza nazionale. Recentemente il problema si è posto con riferimento a due casi d’attualità che hanno acquisito una immediata risonanza internazionale: l’uccisione del ricercatore italiano Giulio Regeni, e la strage di San Bernardino negli Usa il dicembre scorso.

In entrambe le vicende, il tentativo delle autorità di acquisire informazioni utili alle indagini attraverso la consultazione di tabulati e dati telefonici è stato ostacolato da “strenui difensori” del diritto alla privacy: il governo egiziano nel primo caso, la Apple nel secondo.

Le reazioni della corporation di Cupertino, la cui mancata collaborazione non ha impedito all’FBI di sbloccare l’iPhone di uno degli attentatori grazie all’aiuto di hacker professionisti, hanno peraltro innescato un clima di tensione che ha contribuito ad accrescere l’attenzione dedicata dalle multinazionali al rispetto della privacy dei propri fruitori. Negli ultimi giorni, ad esempio, Whatsapp ha provato a rafforzare i propri sistemi di sicurezza, introducendo nelle chat la crittografia end-to-end da sempre utilizzata da Telegram che, a sua volta – per voce del suo fondatore Pavel Durov – starebbe sviluppando un nuovo sistema di criptaggio denominato peer-to-peer, al fine di incrementare la riservatezza dei suoi utenti.

In un futuro non troppo lontano, pertanto, sarà sempre più difficile per le autorità acquisire intercettazioni o informazioni telefoniche, strumenti fino ad oggi utilizzati non per violare la privacy dei singoli, ma per portare alla luce scandali di grandi dimensioni o per conoscere spostamenti e strategie di pericolosi criminali.

Fermo restando il diritto del singolo di controllare la circolazione di informazioni che lo riguardano per preservare la propria sfera privata da intrusioni illecite, e partendo dal presupposto che la legge si basa sul bilanciamento di interessi contrapposti, fino a che punto il diritto alla riservatezza e alla protezione dei dati personali può esser considerato preminente rispetto alla salvaguardia della sicurezza nazionale?

di Federica Allasia

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi