L’accordo tra Vaticano e Cina che fa discutere

Leggi anche

Il Vaticano intende riconoscere i sette vescovi della Chiesa cinese nominati dal partito comunista al governo, confermando un accordo che mira a ripristinare i rapporti tra Cina e Vaticano, interrotti con la fondazione dello Stato comunista nel 1949. Un gruppo di influenti cattolici afferma però che potrebbe creare uno scisma nella Chiesa cinese.

Quindici esponenti cattolici, avvocati, accademici e attivisti per i diritti umani, la maggior parte residenti ad Hong Kong, hanno firmato una lettera aperta indirizzata ai vescovi di tutto il mondo esprimendo sgomento per un accordo che definiscono “un errore irreversibile”.

Due settimane fa il cardinale Joseph Zen, ex vescovo di Hong Kong, ha accusato il Vaticano di “aver venduto la Chiesa pur di concludere un accordo con il governo cinese.

Yu Zhengsheng, un dirigente del Partito Comunista, con i leader dei gruppi cattolici cinesi approvati da Pechino, dicembre 2016. Credits to: Yao Dawei / Xinhua, via Associated Press.
Yu Zhengsheng, un dirigente del Partito Comunista, con i leader dei gruppi cattolici cinesi approvati da Pechino, dicembre 2016. Credits to: Yao Dawei / Xinhua, via Associated Press.

Infatti a gennaio il Vaticano ha chiesto a due vescovi che operano senza l’approvazione del governo cinese di rinunciare alle loro posizioni a favore delle loro controparti nominate dal governo, una delle quali è stata scomunicata da Roma nel 2011. I due, Guo Xijin e Zhuang Jianjian, sono sotto sorveglianza della polizia e Guo è stato ripetutamente detenuto per le sue attività religiose.

Si stima che siano circa 10-12 milioni i cattolici in Cina, di cui circa la metà opera clandestinamente perché il governo cinese esercita un rigido controllo sulle religioni e il 1 Febbraio sono entrate in vigore nuove norme che specificano i tipi di organizzazioni religiose che possono esistere, dove possono operare e quali attività possono organizzare, dopo un duro giro di vite sulle chiese evangeliche protestanti che ha portato al loro scioglimento e al bando delle croci cristiane.

Se da un lato l’avallo del Vaticano sui vescovi nominati da Pechino è un segnale di distensione, dall’altro le comunità cattoliche locali lo vedono come un tradimento, dal momento che denunciano che in Cina le persecuzioni contro i cattolici e le violazioni contro la libertà di culto da parte del governo non si sono mai fermate.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi