La follia di Rodrigo Duterte

Leggi anche

Prosegue la guerra alla droga del Presidente Rodrigo Duterte condotta dagli uomini dell’Agenzia Antidroga delle Filippine. Secondo quanto dichiarato dalla Polizia Nazionale venerdì 2 Febbraio, tra il 5 Dicembre 2017 e la fine di Gennaio 2018, 46 persone, sospettate di abusare e vendere sostanze stupefacenti, sono state uccise dalle autorità che hanno condotto 3,253 operazioni e arrestato un numero imprecisato di obiettivi di “alto profilo”.

Non è chiaro il numero dei sospettati uccisi in un anno nell’ambito della violenta e extragiudiziale campagna antidroga voluta da Duterte. Fonti governative parlano di meno di 4,000 persone mentre Human Rights Watch ha stimato che le stesse, siano circa 12.000; un numero respinto dalle autorità filippine, che hanno preteso le scuse dell’organizzazione.

25 Agosto 2017. I cittadini della città di Caloocan partecipano alla veglia del diciassettenne Kian Loyd delos Santos, rimasto vittima della guerra alla droga di Duterte. Credits to: Dondi Tawatao / Reuters

Nonostante il governo abbia promesso letteralmente meno sangue, il numero degli omicidi non accenna a diminuire e le dichiarazioni del Presidente non rassicurano circa la sua salute mentale. Agli inizi di Febbraio, di fronte a 200 ex militari comunisti riuniti a Malacañangn, Duterte ha condiviso la sua “ricetta” per punire le ribelli: “Dite ai vostri soldati che c’è un nuovo ordine che arriva dall’alto, noi non vi uccideremo, semplicemente, mireremo e spareremo alla vostra vagina” (bisong in lingua Visayan)  senza di essa, (donne), siete inutili.

Negli stessi giorni il Tribunale Penale Internazionale ha avviato un’indagine preliminare (la prima nel sud est asiatico) sui “presunti” crimini contro l’umanità (esecuzioni extra-giudiziare e omicidi di massa), di cui il Presidente filippino sarebbe direttamente responsabile, nel corso della sua personale crociata contro la droga, iniziata nel 1988 come sindaco della città di Davao. Secondo quanto dichiarato da Fatou Bensouda a capo dell’indagine, saranno prese in esame le accuse a partire dal Luglio del 2016.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Ecoterrorismo in mare, il caso Arctic Sunrise

La Russia è condannata ad un risarcimento per il caso Arctic Sunrise, in cui attivisti ecologisti sono stati accusati di ecoterrorismo e pirateria in mare.

L’asse franco-tedesco, una metastasi europea

L'incapacità da parte dell'Unione Europea di riconoscere centri di potere al di fuori dall'asse franco-tedesco potrebbe essere la causa di una buona parte dei suoi problemi

Le Filippine chiudono 23 miniere e i prezzi del nichel volano

I prezzi del nichel al London Metal Exchange hanno toccato i massimi delle ultime settimane sulle preoccupazioni di una carenza di approvvigionamento.

La morte di Qassem Soleimani: perchè e cosa aspettarsi?

La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di...

Barack Obama sulla Palestina

Palestinians deserve an end to the occupation and the daily indignities that come with it; they deserve to live in an independent, sovereign state -...

Il fronte diplomatico della guerra in Siria

Mentre i media accennano alla guerra sul campo in territorio siriano, questa rovente estate ha visto all'opera molta diplomazia, con la Russia di nuovo in prima linea pronta a tutelare Damasco.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi