Anche Isis ha il suo Edward Snowden

Leggi anche

Da alcuni documenti trafugati da un dissidente emergono nomi, numeri di telefono e indirizzi di migliaia di affiliati a Isis.

La testata giornalistica SkyNews è entrata in possesso di una serie di documenti che rivelerebbero l’identità, i numeri di telefono e gli indirizzi di migliaia di jihadisti che hanno abbracciato la causa del sedicente “stato islamico” o Daesh. Stuart Ramsay, giornalista di SkyNews, ha incontrato un dissidente in Turchia, dopo che questo è fuggito dal quartier generale di Isis a Raqqa.

All’interno dei documenti – circa 22 mila – si trovano le generalità di persone di 51 nazionalità diverse, divisi in 23 categorie. SkyNews spiega che tutti i membri di Isis hanno dovuto compilare questi moduli con i propri dati anagrafici prima di entrare “ufficialmente” a far parte del gruppo terroristico: in pratica parliamo di moduli di iscrizione.

Secondo l’MI6 i documenti possono ritenersi attendibili, e possono essere “una miniera d’oro d’informazioni per i servizi d’intelligence”. Afzal Ashraf, un esperto di antiterrorismo presso il Royal United Services Institute, ha dichiarato che questi documenti sono “probabilmente” il più significativo accaparramento di informazioni sul gruppo fino ad ora.

Alcune delle persone sulle liste erano già note alle autorità occidentali, mentre di molte altre non si avevano informazioni o sospetti. Alcuni dei numeri di telefono registrati sui documenti risultano ancora attivi, e potrebbero tornare molto utili per localizzare i terroristi. Alcuni nomi sulla lista risultano già essere caduti sotto bombardamenti militari.

Nei documenti spicca una categoria nominata “martiri”, che indicherebbe una lista di persone che in fase di registrazione hanno dichiarato la volontà di poter essere impiegati in attacchi suicidi e che quindi dovevano passare per un apposito addestramento.

L’uomo che ha consegnato su una chiavetta usb a SkyNews questi file si chiama Abu Hamed (o almeno così si fa chiamare); dice di essere un ex-membro dell’FSA convertito alla causa islamista e, in seguito, deluso dalla leadership del gruppo terroristico, che afferma essere in mano a personaggi del partito Baath di Saddam Hussein (è anche il partito del Presidente siriano al-Assad).

L’altissima presenza di membri del partito Baath ed ex membri del regime di Saddam Hussein all’interno dell’Isis era già nota, ne avevano parlato in diverse inchieste il Washington Post, Reuters, Spiegel e Intercept (la testata fondata da Glenn Greenwald, il giornalista che ha aiutato Edward Snowden a diffondere le informazioni rubate all’NSA).

Il dissidente avrebbe anche rivelato che sia le forze curde che quelle governative siriane hanno tenuto diversi contatti con alcuni membri di Isis per contrastare le opposizioni siriane, mettendo anche in guardia sulla probabilità di altri attentati all’estero, come quelli eseguiti a Parigi. Mentre la prima dichiarazione non può essere verificata – e pone qualche dubbio sulla credibilità, almeno parziale, del whistleblower – sulla seconda c’è invece un generale consenso da parte dell’intelligence dei governi europei.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi