Europa, è tardi per piangere

Leggi anche

L’ennesimo, vile, attacco all’Europa non può che essere un altro punto di partenza per cercare di trovare una soluzione alla mancanza di strategia comune in materia di sicurezza e politica di difesa. L’Unione se vuole essere pronta ad affrontare altri attentati e, di conseguenza, altri morti, deve interrogarsi seriamente su quale è e dovrà essere il ruolo del Vecchio continente nel panorama internazionale, anche dal punto di vista militare.

No, non è stato colpito solo il Belgio e la sua capitale, Bruxelles. È stata colpita, ancora una volta, l’intera Europa. Un’Europa sempre più spesso forte con i deboli, ma ancora troppo fragile con chi minaccia, dal suo interno, la libertà, la sicurezza e la pace. Quello che è successo oggi, martedì 22 marzo, deve fare riflettere tutti, in primis i leader dell’Unione che, mai come ora, si trova a dover fare i conti con un nemico che non arriva da fuori.

Il terrorismo di matrice islamista, ma che di islamico ha ben poco, ha riportato le lancette degli orologi indietro di 40 anni, quando, soprattutto in Italia, la strategia del terrore mieteva vittime innocenti senza un apparente e sensato motivo logico.

Non sono i primi e non saranno gli ultimi. I 34 morti (cui vanno sommati almeno 250 feriti) degli attentati rivendicati dall’Isis che hanno colpito la metropolitana e l’aeroporto della capitale belga, continuano ad essere un banale seppur tragico numero; una cifra che nei mesi e negli anni non potrà far altro che aumentare se l’Europa tutta non saprà reagire in maniera unitaria.

Qualche mese fa era stato il turno di Parigi, prima ancora di Londra e Madrid, senza contare le migliaia di morti che ogni giorno cadono sotto le bombe in Siria e in Iraq, ma questa volta però è diverso. Hanno voluto colpire il “cuore” dell’Unione, la sua “capitale”, la città che ospita le istituzioni che dovrebbero rappresentare la pace, la democrazia e l’unità del Vecchio continente, in quel Belgio che soffre evidentemente di carenze nelle proprie forze di polizia (6 diverse in tutto il pur piccolo paese: 3 francofone e 3 fiamminghe) e di intelligence.

La commozione dell'Alto rappresentante Federica Mogherini / © European Union
La commozione dell’Alto rappresentante Federica Mogherini / © European Union

Le lacrime in diretta dalla Giordania dell’Alto rappresentare Federica Mogherini, sicuramente saranno sincere, ma non è più pensabile credere a un’Europa unita ma senza un’unica Politica estera e di difesa; il nemico vuole attaccare tutti i sistemi valoriali nati con la fine della Seconda guerra mondiale, non vuole attaccare il singolo Stato. Non ha nessun interesse a colpire il Regno unito, l’Italia, la Lettonia o la Svezia.

Il vero nemico degli estremisti è l’Europa in quanto tale, lo spazio “fisico” di libertà e di eguaglianza che manca a tutti quelli che dicono di agire in nome di una loro presunta “superiorità religiosa”. È giunto il momento per l’Europa di svegliarsi; non si può più permettere di avere vittime innocenti sulla coscienza, vittime inermi che non hanno nessuna colpa se non quella di vivere liberamente, senza costrizioni o fanatismi religiosi di alcun tipo.

L’Unione deve cercare di ritrovare la sua identità, quell’identità che è urlata, forte e senza tentennamenti nel suo motto: “unita nella diversità”.

Se si è stati in grado, nei decenni, di far sedere intorno allo stesso tavolo 28 paesi con culture, tradizioni e sistemi giuridici differenti, perché non si è nelle condizioni anche di difendere queste diversità che ci contraddistinguono? L’Europa deve tirare fuori gli artigli; se non lo farà, sarà costretta a soccombere, sotto il peso dei suoi stessi errori.

di Omar Porro

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

La Nato guarda ancora ad Est: le prime conseguenze rilevanti

La crisi dell'Ucraina orientale non ha fermato le ambizioni di allargamento ad est della Nato. Nel frattempo uno dei trattati su cui si fonda la sicurezza europea viene meno.

La fine dell’impasse diplomatica tra Venezuela e Panamá

La crisi diplomatica scoppiata agli inizi di aprile tra il piccolo stato centroamericano di Panamá e il Venezuela sembra essere stata risolta prima dei...

Il ritiro USA dalla Siria e la riabilitazione di Assad

Mentre il mondo arabo riabilita Assad, come cambia lo scacchiere siriano all’annuncio del ritiro USA dalla Siria?

Kalaallit Nunaat, la nazione del futuro

Entro il 2021 la Groenlandia potrebbe ottenere l'indipendenza dalla Danimarca, trasformandosi in un soggetto statale a tutti gli effetti: questo potrebbe avere grandi implicazioni per tutta la geopolitica mondiale.

USA e Russia: un nuovo accordo sulla Siria?

Con Aleppo est sotto assedio, l’intensificarsi dei bombardamenti e delle vittime civili, gli USA hanno proposto alla Russia un nuovo accordo, che ha molti punti deboli. Ecco quali.

Lo Stretto di Tiran, l’Egitto, l’Arabia Saudita e il panarabismo

Come pochi lembi di terra emersa possono spiegare il riposizionamento geopolitico di due potenze mediorientali e le loro aspirazioni panarabe.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi