Cosa sta succedendo nei Balcani?

Leggi anche

La vittoria dell’europeista Aleksandar Vucic in Serbia, la crisi politica in Macedonia e la gestione difficoltosa dei flussi migratori al confine con la Grecia, tutte questioni che stanno spingendo la penisola balcanica a trovare soluzioni congiunte per la gestione di migliaia di profughi già presenti sul territorio, nella speranza che si avvicini l’obiettivo dell’adesione all’Unione Europea.

La questione dei migranti, la crisi economica, l’avanzata (inaspettata?) delle forze politiche europeiste e la pressione per l’ingresso ufficiale e accelerato nell’Unione. Queste sono solo alcune delle contraddizioni che vedono contrapporsi i “risorti” nazionalismi europei con il desiderio di far parte dell’Ue, portato avanti dalla quasi totalità delle nazioni balcaniche.

Per capire più a fondo cosa sta succedendo in quella che fino a qualche anno fa era la “periferia orientale”, bisogna capire come si stanno muovendo politicamente i singoli stati che, mai come oggi, sentono l’esigenza di entrare a far parte dell’Europa anche, e soprattutto, per far fronte alle problematiche che da soli non sono in grado di affrontare.

Il paese che più di tutti si sta muovendo in questa direzione è la Serbia, reduce dalle elezioni politiche dello scorso fine settimana, che hanno chiamato i cittadini a rinnovare l’Assemblea nazionale.

Si temeva un fragoroso balzo in avanti del Partito radicale serbo guidato dall’ultranazionalista Vojislav Seselj, che però si è fermato a un misero 9,9%, lasciando così campo libero al Partito Progressista del premier uscente Aleksandar Vucic, che ha stravinto al primo turno con il 52,1% dei consensi. Al secondo posto si piazza, con meno del 12%, il Partito Socialista.

La vittoria di Vucic ha, nei fatti, dato una forte accelerata ai negoziati tra la Commissione europea e il governo di Belgrado che, abbandonando anche ogni rivendicazione territoriale sul Kosovo, conta di concludere le trattative (avviata nel 2015) e la chiusura dell’accordo entro il 2020, facendo diventare così la Serbia il 29esimo Stato membro dell’Unione.

Il Primo ministro Aleksandar Vucic porterà la Serbia nell'Ue / © European Union
Il Primo ministro Aleksandar Vucic porterà la Serbia nell’Ue / © European Union

Situazione ben diversa, invece, in Macedonia dove da ormai quasi venti giorni la popolazione è scesa nelle piazze di tutte le città per protestare contro le politiche troppo “blande” in tema di giustizia portate avanti dal presidente della Repubblica Gjorge Ivanov, reo di aver graziato i vertici dei partiti coinvolti in un’inchiesta sullo scandalo delle intercettazioni, iniziato nel 2015.

Questa continua instabilità, cui va sommata anche la difficoltosa gestione dei migranti sul confine greco-macedone, non giova certamente al processo di adesione dello stato balcanico all’Unione europea, convalidato nel maggio del 2004 e bloccato l’anno successivo dopo i continui ripensamenti della Grecia, che si rifiuta di riconoscere la scelta del nome “Macedonia” alla nazione confinante (è una storia vecchia e interessante che potete leggere qui).

A pesare non solo la disputa diplomatica tra i due Stati, ma anche la gestione delle rotte balcaniche dei migranti provenienti dalla Turchia e dalla Siria che passano dalla Repubblica macedone per raggiungere l’Europa, nonostante la chiusura delle frontiere esterne.

Una situazione, quella documentata anche dalla pesante criticità del campo profughi a Idomeni, che rischia di ledere i fragili accordi siglati tra Unione e Turchia. Quest’ultima sembra continuare a fare “orecchie da mercante“, non impedendo la partenza di migranti e richiedenti asilo dalle sue coste. I Balcani si stanno quindi trasformando sempre di più in un “imbuto di vite umane”.

Per evitare nuovi accessi, alcuni Stati hanno anche portato avanti soluzioni drastiche: Slovenia e Croazia, dopo aver seguito l’esempio dell’Austria, hanno letteralmente chiuso e bloccato le frontiere e i confini nazionali obbligando così i rifugiati a trovare vie e percorsi alternativi.

Un’embrionale soluzione è stata avanzata dai ministri della Difesa di Croazia e Albania che, la scorsa settimana, si sono incontrati per studiare una strategia comune al fine di arginare il fenomeno almeno su base regionale, lasciando però aperte le porte a Montenegro, Bosnia e Serbia, anche loro chiamati a fare la loro parte, soprattutto in un’ottica di integrazione delle politiche migratorie comunitarie.

di Omar Porro

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Cosa sarà l’European Green Deal

La nuova Commissione europea crede molto nel proprio Green Deal, il grande piano di investimenti che da qui al 2050 dovrebbe trasformare l'intera economia europea. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e se potrà davvero impattare sulle vite dei cittadini.

Etiopia e Eritrea seppelliscono l’ascia di guerra

La coalizione di governo ad Addis Abeba ha annunciato la sua volontà di implementare l'accordo di pace di Algeri firmato nel 2002 con Asmara....

Obama spiegato da Obama.

In un bellissimo esercizio di giornalismo, Vox.com ha prodotto una serie di video-interviste a Barack Obama. Ineguaglianza sociale, politica estera e politica interna, dal punto...

La Russia mostra i muscoli

Inizia oggi la più grande esercitazione militare mai organizzata dalla Russia, che vede la partecipazione anche della Cina.

La campagna Twitter russa: come influenzare le percezioni del conflitto siriano

Un'inchiesta del Syrian Justice & Accountabilty Centre analizza il ruolo della Internet Research Agency russa nella diffusione di fake news sul conflitto siriano a...

L’opinione pubblica russa non capisce la politica estera di Mosca

Ogni settimana su Zeppelin l’intervista più interessante rilasciata nei giorni appena trascorsi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi