Cosa hanno significato le elezioni in Iran?

Leggi anche

L’esito delle elezioni iraniane ha portato in Occidente un cauto ottimismo sulla questione iraniana. Le elezioni sono state vinte da candidati appoggiati dai moderati e dai riformisti che non hanno passato il filtro del regime. Un fatto positivo, ma gli entusiasmi vanno messi nell’ottica giusta.

Non è tutto oro ciò che luccica. Un detto che sembrerebbe fare il caso dei risultati delle elezioni tenutesi in Iran il 26 febbraio per il rinnovo del Parlamento (Majlis) e dell’Assemblea degli Esperti, chiamata a eleggere la nuova Guida Suprema dopo Ayatollah Ali Khamenei (in carica). Indubbiamente, gli equilibri interni sono già cambiati: la vittoria dei moderati del presidente Hassan Rohani e dell’ex capo di Stato Hashemi Rafsanjani ha interrotto la lunga egemonia degli ultra-conservatori “principalisti” vicini a Khamenei.

All’Assemblea degli Esperti i moderati di Rafsanjani hanno ottenuto 13 seggi su 16 nella sola Teheran oltre alla maggioranza sugli 88 disponibili. Anche in Parlamento hanno registrato una vittoria schiacciante, sebbene per avere risultati definitivi occorrerà attendere l’esito dei ballottaggi previsti per la fine Aprile, dato che in alcuni collegi (per un totale di 59 seggi) nessuno ha raggiunto la quota minima del 25% dei voti. Entrano in Parlamento 15 donne, su un totale di 290 seggi, un dato che merita di essere riportato.

Secondo il Ministro degli Interni, Abdolreza Rahmani Fazli, oltre il 60% degli aventi diritto al voto si è recato alle urne. Queste elezioni sono le prime dopo l’accordo sul nucleare e la fine delle sanzioni: il governo di Rouhani e il suo progetto di far uscire l’Iran dall’isolamento ne escono sicuramente rafforzati.

Se il rinnovato protagonismo sulla scena economica internazionale sta a significare anche una maggiore apertura ai mercati è difficile che in politica estera le cose cambieranno in fretta. Una deriva “moderata” farà sì che il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica – IRGC, noto anche come Pasdaran, la più potente organizzazione militare responsabile della protezione del regime iraniano e da alcuni anni di quello di Assad in Siria – continuerà a lavorare per puntellare il ruolo di potenza regionale dell’Iran.

Ci sono riformisti che si rammaricano per gli ingenti sforzi profusi per salvare il regime di Assad, ma che comunque non metteranno in discussione il proprio storico supporto alla Siria alawita-sciita. Bisogna rilevare anche che i Pasdaran sono tuttora inseriti nella lista dei finanziatori di gruppi terroristici.

[ecko_alert color=”gray”]Leggi anche L’Iran in Siria: una dipendenza de facto [/ecko_alert]

Dal punto di vista della politica interna, però, le conseguenze di queste elezioni potrebbero portare a una svolta: un’Assemblea degli Esperti non più in mano ai conservatori apre nuovi scenari sull’elezione della Guida Suprema, ossia la massima autorità militare e giudiziaria del Paese, che detiene poteri pressoché illimitati. Per fare un esempio, sia i parlamentari che le leggi approvate dal Parlamento devono ricevere l’approvazione dal Consiglio dei Guardiani, composto da 12 membri, tra cui 6 religiosi nominati direttamente dalla Guida Suprema e 6 giuristi islamici nominati dal capo del potere giudiziario in Iran (attualmente Sadeq Larijani), a suo volta nominato dalla Guida Suprema.

Dal punto di vista militare, l’IRGC risponde direttamente alla Guida Suprema che, in sostanza, ha il totale controllo, più o meno diretto, su ogni potere del Paese. L’attuale ayatollah Khamenei è il successore della linea dura introdotta dal fondatore della Repubblica Islamica, l’ayatollah Khomeini, quella ostile all’Occidente in politica estera e repressiva in politica interna. Una Guida Suprema “moderata” potrebbe avere effetti positivi, anche se sarebbe ingenuo pensare che stravolgimenti strutturali siano dietro l’angolo.

Innanzitutto, è davvero una svolta moderata? Dietro i termini riformisti e moderati si nascondono alcuni nomi che governano da anni con ben poche tendenze moderate, almeno nel senso convenzionale del termine. A cominciare da Rouhani, che dal giugno 2013 (quando divenne Presidente) detiene il record per numero di impiccagioni ordinate negli ultimi 25 anni (1,084 esecuzioni solo nel 2015, secondo stime ONU). Sotto la sua guida continua la repressione e la tortura di migliaia di oppositori, oltre alla persecuzione degli omosessuali e dei cristiani, questi ultimi arrestati con l’accusa di “diffusione del cristianesimo”, nonché l’arresto delle donne se vanno allo stadio. In generale, la situazione dei diritti umani resta grave e la repressione, il carcere e le frustate non colpiscono solo oppositori politici, ma anche intellettuali, artisti, registi, attivisti ed esponenti della società civile.

Pubblica impiccagione in Iran. Credits to: WorldTribune.com
Pubblica impiccagione in Iran. Credits to: WorldTribune.com

Il confine tra riformisti, moderati e conservatori (detti “principalisti”) appare molto labile, anche alla luce del fatto che, come già detto, i deputati prima di essere eleggibili vengono selezionati dal Consiglio dei Guardiani, di conseguenza alle elezioni arrivano solo quelli apparentemente più favorevoli al regime. Inoltre non esistono partiti politici ma “correnti” non molto strutturate. Quasi la metà dei candidati originali per queste elezioni è stata esclusa in partenza dal Consiglio: solo 6,300 dei 12,123 iniziali sono stati accettati per concorrere alle elezioni. A questo punto i riformisti hanno deciso di indicare comunque tra gli eleggibili selezionati quelli su cui far convogliare i votiTra gli esclusi, curiosità, figura anche Hassan Khomeini, nipote dell’Ayatollah Khomeini.

La legge iraniana non vieta ai candidati di presentarsi in più liste contemporaneamente ed è accaduto che nelle liste dei moderati spiccassero nomi di noti conservatori “principalisti”. È il caso di Ghorbanali Dorri-Najafabadi (ex Ministro dell’Intelligence) e Mohammad Reyshari (anch’egli ex Ministro dell’Intelligence e giudice dei Tribunali Rivoluzionari). Entrambi sono politicamente responsabili delle migliaia di uccisioni di oppositori che hanno insanguinato l’Iran negli anni ’80 e della repressione dell’Onda Verde del 2009, movimento di protesta pacifico che denunciava i brogli elettorali che riconfermarono Ahmadinejad. I leader del movimento, Mousavi e Karroubi, finirono agli arresti domiciliari, dove sono tutt’oggi. Simbolo di quelle proteste divenne Neda Agha Soltan, studentessa 26enne uccisa dalle forze di polizia iraniane durante una manifestazione pacifica; il video che ne immortala gli ultimi istanti di vita fece il giro del mondo.

Donne iraniane protestano contro la rielezione del Presidente Ahmadinejad, denunciando brogli e sostenendo il moderato Mousavi, uno dei leader dell'Onda Verde, 2009. Credits to: Bloomberg.
Donne iraniane protestano contro la rielezione del Presidente Ahmadinejad, denunciando brogli e sostenendo il moderato Mousavi, uno dei leader dell’Onda Verde, 2009. Credits to: Bloomberg.

È anche il caso di Kazem Jalali, già Parlamentare, che si battè per l’esecuzione degli stessi Mousavi e Karroubi, ma anche di Mohammad Movahedi Kermani, che una settimana dopo la firma dell’accordo sul nucleare disse durante un sermone: “calpesteremo l’America”. D’altra parte il primo candidato più votato singolarmente è stato il “pragmatico moderato” Akbar Hashemi Rafsanjani, alleato di Rohani e importante autorità politica in Iran (nel 2013 gli era stato proibito di correre come Presidente).

I segnali sono quindi contrastanti: oltre la superficie delle etichette di moderazione e riformismo si nasconde un cambiamento forse più confuso e agognato che reale. Queste elezioni risultano molto significative, ma sono pur sempre l’espressione di una realtà teocratica e non democratica, dove la società civile – specialmente della capitale – cerca di emergere.

Per chi volesse approfondire la complessa situazione della politica iraniana consigliamo questo articolo della rivista The Atlantic.

di Samantha Falciatori

Commenti

  1. […] La conclusione delle elezioni iraniane. Venerdì si è votato in Iran per l’assegnazione attraverso i ballottaggi degli ultimi 68 seggi ancora vacanti. Gli elettori di 55 circoscrizioni (tra cui le importanti città di Tabriz, Shiraz e Ahvaz, potrebbero far guadagnare alla coalizione “moderata” i 40 seggi mancanti per poter avere la maggioranza parlamentare. Secondo i primi risultati non ufficiali ma pubblicati sabato dalle’agenzie di stampa iraniane, la coalizione moderata ha ottenuto tra i 30 ed il 36 seggi, con il resto sarà assegnato tra conservatori e indipendenti. Avevamo provato a spiegare cosa hanno significato queste elezioni in Iran in un articolo che trovate qui. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Israele si sposta sempre più a destra

La nomina di Lieberman a Ministro della Difesa nasce da calcoli di politica interna da parte di Netanyahu. Questa mossa rischia di avere conseguenze sulla stabilità politica di Israele.

Isis: religione o gioco di potere?

Martine Dennis conduce un dibattito su al-Jazeera che tenta di mettere le cose in ordine sul rapporto tra l'estremismo religioso dell'Isis e l'Islam in...

Armi russe in Siria: strategie di crescita

La Russia ha sfruttato il conflitto siriano come laboratorio e vetrina per testare nuove armi. Con quali risultati? In...

Montenegro, la strada (in discesa) verso l’Europa

Una vittoria schiacciante quella di Milo Djukanovic alle presidenziali montenegrine. Il nuovo capo di stato, fresco di elezione, ha già tracciato la strada: "Avanti verso l'Unione europea".

Il Montenegro è pronto a chiudere le frontiere

Anche il Montenegro si è detto pronto a chiudere le frontiere qualora altri Stati della penisola balcanica dovessero trovarsi nelle condizioni di bloccare gli...

Siria: retorica della “linea rossa” e tensioni tra Israele e Iran

Dalla linea rossa di Macron sulle armi chimiche all'abbattimento del jet israeliano da parte della contraerea siriana, cosa sta cambiando in Siria e perché?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi