Il golpe in Mali e il risiko del Sahel

Leggi anche

Il recente colpo di stato in Mali è l’ennesimo guizzo di una regione attraversata da numerose tensioni profonde, da complessi giochi di potere e da molti interessi incrociati.


La decolonizzazione mai davvero completa in Sahel ha lasciato strascichi di ingerenze, corruzione e una diffusa instabilità politica di cui hanno potuto approfittare svariati gruppi separatisti e jihadisti che mantengono un livello di conflitto piuttosto elevato e costante, gruppi che sono anche in lotta tra loro.

Mappa dei gruppi terroristici e della presenza straniera in Mali. Per la sua versione interattiva cliccate qui. – credits: Andrew Lebovich, European Council on Foreign Relations

Il Mali è un esempio evidente di queste dinamiche: indipendente dal 1960, governato da una dittatura fino agli anni Novanta, è sempre rimasto legato a doppio filo alla Francia, che è intervenuta militarmente ancora recentemente nel 2013, scosso dalla lotta separatista dei Tuareg e da una presenza sempre più preoccupante di gruppi jihadisti.

L’insicurezza e la corruzione sono stati le ragioni principali per cui i militari si sono mossi contro Ibrahim Boubacar Keita, Presidente della Repubblica del Mali.

Il colpo di stato avvenuto il 18 agosto, pur relativamente indolore, ha comunque innalzato l’attenzione tra i vicini e la preoccupazione della società civile con cui i militari ora stanno cercando un dialogo arrivando a una proposta di compromesso di un periodo di transizione di 18 mesi.

Soldati burkinabé durante un’esercitazione militare fuori Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, nel marzo 2019 – credits: Ruth Maclean / The Guardian

Parallelamente, la Francia non manifesta entusiasmi né si scompone e continua a mantenere le sue forze sul territorio. La notevole presenza di forze armate francesi, giustificate in numerose maniere, sono in effetti una continuazione dell’eredità coloniale, con cui la Francia continua a intervenire in maniera tutt’altro che discreta tutelando in primis i suoi interessi nella zona.

Vale la pena notare come, nel febbraio del 2020, i paesi africani del Sahel (Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania, Niger) abbiano discusso ad Addis Abeba alcune nuove politiche riguardo alla lotta al terrorismo e alla collaborazione con altri paesi, mettendo in discussione quanto sembrava essere uscito dagli accordi di Pau di gennaio e più in generale i rapporti con l’intrigante “amico” francese.

Inaugurazione del 33° vertice dell’Unione africana il 9 febbraio 2020 ad Addis Abeba – credits: AP

Nel contempo la Francia non è sola: sempre in nome della lotta al terrorismo e del controllo dei flussi migratori subsahariani, molti paesi partecipano al risiko del Sahel. L’Italia in particolare ha cercato di mettere piede militarmente nella zona seguendo la grande ossessione politica degli ultimi anni: il controllo dei flussi migratori.

Gli USA invece sembrano sempre più intenzionati a ridurre il loro impegno in Africa Occidentale lasciando sempre più spazio ad altri attori, pronti a mettere in discussione la posizione di vantaggio della Francia, come la Cina, la Russia e la Turchia.

Infine, la già difficile situazione della regione rischia di essere peggiorata dal cambiamento climatico, che avendo conseguenze disastrose su risorse idriche e alimentari, aumenta le possibilità di conflitti violenti e migrazioni forzate.

In un contesto così instabile le organizzazioni terroristiche possono avanzare ed occupare posizioni politiche. Il colonialismo non è mai davvero finito e le dinamiche complesse ancora esistenti tra paesi africani e potenze coloniali lo dimostrano.

di Federico de Salvo
Articolo precedenteLa profezia di QAnon

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Discorso senza veli sull’islam italiano

Guido Rampoldi racconta a Zeppelin perché l'islam italiano deve reagire, e come.

FONOP: l’insufficiente contrasto all’egemonia di Pechino nel Mare cinese meridionale

Le missioni statunitensi FONOP affermano la libertà di navigazione nel Mare cinese meridionale, dove Pechino sfida i principi del diritto internazionale del mare.

Da Norimberga all’Aia: l’evoluzione del diritto internazionale umanitario

All'alba del nuovo millennio il mondo pensava di essersi lasciato alle spalle la barbarie, eppure in tutto il pianeta i crimini contro l'umanità si moltiplicano e il diritto internazionale umanitario fatica a normarli.

La prossima grande guerra sarà in Africa?

La situazione demografica, politica ed economica dell'Africa è simile a quella europea d'inizio '900. E non è un buon segno.

Siria: i medici di Douma denunciano intimidazioni e minacce

I medici che hanno soccorso i feriti dopo l'attacco chimico a Douma del 7 aprile denunciano intimidazioni e minacce da parte delle autorità siriane...

La Cina si apre al mondo / bollettino cinese #1

Xi Jinping presenta la sua filosofia di crescita durante il primo meeting aperto a delegati stranieri mai organizzato in Cina. Intanto, continua la sua campagna per combattere la corruzione interna al Partito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi