I problemi di Whatsapp in Brasile

Leggi anche

di Christian Piscopo
Whatsapp, la nota applicazione di messaggistica istantanea per smartphone, è stata bloccata in Brasile per alcune ore, e c’entrano le pressioni della lobby delle compagnie telefoniche nazionali brasiliane. Il provvedimento, che doveva durare 48 ore, è stato annullato poiché “irragionevole” da un altro giudice, che ha ristabilito le comunicazioni tramite l’applicazione.

La decisione. Il giudice Sandra Regina Nostre Marques del tribunale di San Bernardo do Campo, dello Stato di San Paolo, ha ordinato giovedì 17 dicembre la chiusura temporanea di Whatsapp, ufficialmente perchè questa si era rifiutata di divulgare dati personali nell’ambito di un’indagine penale per traffico di droga; in realtà i motivi sarebbero altri.

Secondo alcuni, questa decisione deriva anche dalle pressioni che, fin dall’estate scorsa, alcune compagnie telefoniche nazionali hanno fatto sul governo. WhatsApp è accusata infatti dalle Telco brasiliane di essere la principale causa della diminuzione dei contratti telefonici stipulati nel paese, «pirateria pura».

Il Brasile on-line. Whatsapp, con circa 93 milioni di utenti, è l’applicazione più usata in Brasile. Secondo Techcrunch è scelta dal 93% della popolazione brasiliana dotata di una connessione internet ed è piuttosto popolare tra i giovani oltre che diffusa tra le classi meno agiate, che preferiscono utilizzare la messaggistica gratuita e il servizio vocale dell’app per comunicare. Secondo Techcrunch i brasiliani passano il doppio del tempo degli americani sui social media.

Basta dare un’occhiata sui profili Facebook degli utenti brasiliani per vedere con quanta indignazione, affiancata da una buona dose di satira, è stata accompagnata la vicenda. Molti si sono già mobilitati per aggirare l’ostacolo creando una rete virtuale privata che simula una connessione di un altro paese così da poter continuare a utilizzare liberamente l’applicazione.

credits: @hackread
credits: @hackread

Le reazioni. Jan Koum, l’amministratore delegato di Whatsapp ha commentato su Facebook «Siamo delusi della decisione miope di vietare l’accesso a Whatsapp, uno strumento di comunicazione da cui dipendono tanti brasiliani, e tristi di vedere che il Brasile si isola dal resto del mondo».

Ricordando che Whatsapp è di proprietà di Facebook, il fondatore e amministratore delegato di quest’ultima, Mark Zuckenberg, si è così espresso riguardo alll’accaduto: «Questo è un giorno triste per il Brasile. Fino ad oggi il paese è stato alleato nella creazione di una rete internet aperta […] sono sbalordito che i nostri sforzi per proteggere i dati della gente si traducano in una decisione così estrema di un giudice, che punisce ogni persona che in Brasile usa WhatsApp, speriamo che i giudici ci ripensino».

Tonight, a Brazilian judge blocked Whatsapp for more than 100 million people who rely on it in her country.We are…

Posted by Mark Zuckerberg on Giovedì 17 dicembre 2015

Ma non è finita qui, Zuckenberg ha invitato gli utenti brasiliani a fare appello al governo lanciando gli hashtag #‎ConnectBrazil ‪#‎ConnectTheWorld.

WhatsApp is now back online in Brazil! Your voices have been heard and the block has been lifted. Thank you to our…

Posted by Mark Zuckerberg on Giovedì 17 dicembre 2015

Il risultato. Dopo il fervore mediatico, su social e mass media, intorno alle 12.30 – ore di Brasilia – il giudice Xavier de Souza, dell’undicesima Sezione della Corte di San Paolo, ha ribaltato il provvedimento, determinando lo sblocco immediato di Whatsapp in tutto il Brasile.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Cos’è la missione militare Ue nel Mediterraneo

A fine settembre è partita la missione militare Ue nel Mediterraneo. È stata chiamata "Sophia", con il nome di una bambina nata a bordo di una nave europea.

Come i robot cambieranno l’economia

Robohub ha intervistato Alan Winfield, Professore al Bristol Robotics Laboratory, esperto in etica robotica e relatore al World Economic Forum

Gli Occhi del Pavone: Geopolitica del Qatar

La policy strategica del piccolo ma ambizioso Qatar, paragonata al comportamento del pavone; che baratta i propri soldi per ottenere nuovi "occhi", da appuntare alla propria coda.

Gli Stati Uniti non diranno addio alle armi

Le prospettive per una limitazione delle armi negli USA vanno valutate in un quadro che prescinda l’ondata di sdegno collettivo seguente le sparatorie.

Francia, Germania e UK difenderanno il patto con l’Iran

In una telefonata comune avvenuta domenica, Theresa May, Emmanuel Macron e Angela Merkel si sono detti unanimemente concordi nel sostenere e difendere gli accordi...

Come sono andate le elezioni in Africa

Il 20 marzo scorso si è tenuto il Super-Sunday africano, ovvero lo svolgimento contemporaneo di ben 6 votazioni in tutto il continente, di cui vi offriamo una breve sintesi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi