Il petrolio del Guyana

Leggi anche

La scoperta di giacimenti petroliferi sul territorio della Guyana ha inizialmente dato speranze di miglioramento della qualità della vita nel paese sudamericano. La pandemia ha però rovinato le prospettive di sfruttamento, ed ha generato conflitti interni.


La Repubblica Cooperativa di Guyana è un piccolo stato incastonato nella zona settentrionale dell’America del Sud, proprio sulle spalle del Brasile. Si tratta di una nazione piccola, con una popolazione di meno di 700mila abitanti e caratterizzata da un’attanagliante povertà. La tormentata storia politica della Guyana è stata rappresentata dalla forte ingerenza degli Stati Uniti d’America e dell’Inghilterra (facendo ancora parte del Commonwealth) e dal conflitto politico fra le varie comunità etniche presenti nel paese.

All’inizio dell’anno la notizia della scoperta di nuovi ingenti giacimenti petroliferi nel paese aveva scatenato un’ondata di entusiasmo, ed in questo clima si erano svolte le prime attività di estrazione della americana ExxonMobile, la quale avrebbe garantito alla povera nazione metà degli introiti di estrazione.

Anche considerando solo quel paventato 50% esso avrebbe rappresentato una svolta notevole per l’economia della Guyana ed i teorici delle proiezioni già si lanciavano in funambolici calcoli riguardo l’imminente crescita del Pil. Il governo della Repubblica Cooperativa, accusato spesso di corruzione, vedeva soprattutto in queste estrazioni la possibilità di liberarsi dei gravosi debiti contratti soprattutto con gli Stati Uniti.

In un contesto differente solleverebbe numerosi dubbi la possibilità che coloro che ti sono creditori, siano gli stessi che supporteranno la tua capacità di generare denaro, poiché ben sappiamo che il debito è controllo. A ciò si aggiungono le proteste dei coltivatori locali, preoccupati dalle attività estrattive.

Guyana offshore blocks
Aree offshore della Guyana – credits: worldoil.com

In generale, pur considerando tutti questi aspetti, la notizia delle nuove attività estrattive faceva ben sperare. A febbraio è partito quindi il primo cargo di olio grezzo dalla Guyana diretto verso gli Stati Uniti ma… poco dopo il mondo è cambiato a causa della pandemia di COVID-19, e i sogni di ripresa del piccolo stato sono andati letteralmente in frantumi.

Con la pandemia e la conseguente crisi della domanda internazionale di combustibili fossili, a cui si è aggiunta la sempre presente guerra dei prezzi sul greggio, l’intera produzione si è arrestata sul nascere. Questa falsa partenza ha innescato quel fenomeno noto come “Maledizione delle Risorse” per cui un’abbondanza di risorse energetiche e ambientali non sfruttabili in un paese già in crisi, innesca una serie di meccanismi come la recrudescenza dei conflitti etnici e una maggiore corruzione della macchina governativa nonché la nascita di una economia eccessivamente dipendente da una singola risorsa.

Nel caso specifico è scoppiata la violenza fra la comunità di origine Indiana e quella di origine Sudafricana, che ha portato anche a brutali omicidi.  Anche in questo contesto si è avuta la visita di Mark Pompeo il 17 settembre di questo anno, preoccupato, da una parte, per la fine temporanea di un nuovo sistema di giacimenti da poter sfruttare; ed in secondo luogo allarmato dalla situazione del confinante Venezuela, la cui attuale condizione denuncia non solo l’instabilità della regione ma anche il sempre più ridotto ruolo degli Stati Uniti nella politica del Sud America.

Ora in Guayana la tensione è alta, i debiti da pagare salati ed è ancora incerto il futuro delle estrazioni (che al momento sono fermi, e con loro si sono fermati i flussi di denaro dedicati ai fondi per creare nuove piattaforme estrattive.)

Il SARS-CoV2 ha gettato il mondo in un nuovo contesto di agitazione e crisi ma come sempre, se soffrono tutti, gli ultimi soffrono di più.

a cura di Tanator Tenabaun

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi