L’Europa si è unita contro il terrorismo?

Leggi anche

L’Unione europea si stringe introrno alla Francia. Verrà applicato, per la prima volta dal 2009, l’articolo 42.7 del Trattato di Lisbona che prevede la solidarietà e il supporto militare di tutti gli Stati membri in caso di aggressione armata. Mogherini: “Stop alla guerra in Siria, al via la transizione democratica nel paese”. E sulla questione sicurezza, Juncker: “Ok all’esercito europeo, ma prima serve una vera politica comune di difesa”.

La Francia chiama, e l’Unione europea, in qualche modo, risponde. Dopo gli attacchi terroristici dello scorso 13 novembre, il presidente della Repubblica francese François Hollande ha ufficializzato la richiesta di aiuto alle istitutizioni europee, tanto da dover “tirare in ballo” il mai utilizzato articolo 42.7 del Trattato di Lisbona che prevede proprio l’aiuto e la solidarietà reciproca di tutti gli Stati membri qualora una Nazione venga attaccata militarmente. “Il nemico non è un nemico solo della Francia ma è un nemico di tutta l’Europa e l’Europa non può vivere nella convinzione che le crisi che la circondano non abbiano alcun effetto su di lei – ha spiegato il presidente francese davanti al Parlamento – Se l’Ue non controlla le sue frontiere esterne, ci sarà il ritorno delle frontiere nazionali”.

L’appello di Hollande è stato immediatamente raccolto dall’Alto rappresentante per gli affari esteri Federica Mogherini, che ha incontrato a Bruxelles tutti i ministri della Difesa dei paesi membri. “Oggi la Francia ha chiesto aiuto e assistenza all’Unione e tutta l’Europa unita ha risposto di sì” ha annunciato, la vicepresidente Mogherini, durante la conferenza stampa che si è tenuta lunedì insieme al titolare della Difesa francese Jean Le Drian. Il commissario Mogherini, reduce anche del Consiglio europeo per gli affari esteri, ha anche puntato il dito contro l’attuale, tragica, situazione mediorientale.

European Union High Representative for Foreign Affairs and Security Policy Federica Mogherini, right, and France's Defense Minister Jean-Yves Le Drian address the media during an EU foreign and defense ministers meeting at the EU Council building in Brussels on Tuesday, Nov. 17, 2015. France has demanded that its European partners provide support for its operations against the Islamic State group in Syria and Iraq and other security missions in the wake of the Paris attacks. (AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)
P Photo / Geert Vanden Wijngaert

Bisogna porre fine alla guerra in Siria, portando sul tavolo delle trattative anche gli oppositori del governo di Assad – ha spiegato l’Alto rappresentante – è necessario anche dare il via a una transizione politica in tutto il paese”.

La clausola che prevede il supporto di tutti gli Stati membri, in relazione alle proprie capacità e potenzialità militari, non è mai stata attuata e applicata da nessun Governo nazionale dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona. L’Europa, come è tristemente noto, non dispone però di un vero esercito comune, così come non dispone di una “vera” politica estera e di difesa. Sempre sulla questione di sicurezza comune è intervenuto anche il Presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker.

“Prima di parlare di esercito europeo, l’importante sarebbe avere una vera politica di difesa comune – ha spiegato il numero uno del Berlaymont – L’idea di avere un esercito unico è una prospettiva futura che non dobbiamo però perdere di vista”.

Per dare una risposta rapida e precisa a quanti chiedono come verranno gestite le frontiere esterne dell’Unione l’Alto rappresentante Federica Mogherini, insieme al commissario per l’Allargamento Johannes Hahn, hanno puntato i riflettori anche sulle politiche di vicinato con le nazioni “vicine di casa” dell’Europa.

“Una partnership più stabile e forte coi i paesi confinanti è fondamentale per l’Unione – ha spiegato l’ex ministro degli Esteri italiano – Gli attacchi di Parigi, ma non solo, mostrano quanto la comunità internazionale sia di fronte a minacce globali”. Anche il Parlamento europeo non è stato fermo di fronte a quanto accaduto recentemente. La commissione Affari esteri dell’Europarlamento, alla luce di quanto successo a Parigi, ha infatti votato un rapporto che mira a rafforzare e inasprire sia i controlli sulle esportazioni di armi e materiale bellico che a impedire, o quantomeno evitare, che tali attrezzature possano finire nelle mani di gruppi terroristici più o meno complici dei recenti attentati in Europa e nel Medio Oriente.

La stabilità e la tenuta dell’intera Unione, in questo particolare periodo storico, è messa alla prova. L’emergenza migranti, la crescita che tarda ad arrivare, la crisi che attanaglia intere economie nazionali come quella greca e quella italiana e ora, come se non bastasse, anche la difficile e complicata lotta “comune” al terrorismo di matrice islamica. Alla luce di questo, solo nei prossimi mesi si potrà capire se l’Unione è stata solamente un grande abbaglio o se la “sfida europea” può veramente trasformarsi in quel sogno di pace e unità tanto voluto dai padri fondatori.

di Omar Porro

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Cronaca silenziosa dell’attacco a Parigi

Cronaca fotografica dell'attacco a Parigi - 13/11/2015

Le Filippine chiudono 23 miniere e i prezzi del nichel volano

I prezzi del nichel al London Metal Exchange hanno toccato i massimi delle ultime settimane sulle preoccupazioni di una carenza di approvvigionamento.

Russia e Turchia celebrano il Turkish Stream

Turchia e Russia hanno annunciato il completamento della linea sottomarina del Turkish Stream, il gasdotto che trasporterà attraverso la Turchia il gas di Mosca.

Morsi: l’ex presidente egiziano non sarà giustiziato

La Corte di Cassazione egiziana ha revocato la condanna a morte dell’ex Presidente egiziano Morsi, evitando ulteriori tensioni che potrebbero compromettere il processo di...

Gli sviluppi sul gas russo, la Turchia e l’Europa

Le retoriche militaresche tra Russia e Turchia sono state ampiamente superate. I due paesi hanno raggiunto un accordo per costruire il Turkish Stream, gasdotto che nelle intenzioni porterà circa 40 miliardi di metri cubi di gas in Europa.

Il programma “Oil for Food” e i suoi fallimenti

Uno dei più controversi programmi umanitari attuati dall’Onu in Iraq, il quale lascia dietro di sé un importante giro di tangenti in tutto il settore energetico mondiale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi