L’impatto ambientale del governo Bolsonaro

Leggi anche

A un mese dal ballottaggio che lo ha visto vincitore con il 55,1% dei voti, Jair Messias Bolsonaro e il suo programma continuano ad essere al centro del dibattito politico. A spaventare è, in particolare, la riproposizione della già discussa fusione tra il Ministero dell’Agricoltura e il Ministero dell’Ambiente. Secondo Marina Silva, Ministro dell’Ambiente del governo Lula, una decisione di questo tipo inaugurerà un «periodo tragico, durante il quale si avrà un annullamento delle politiche di protezione ambientale».

Il neo-presidente deve mantenere le promesse fatte ai fazendeiros, i grandi proprietari terrieri che dominano la produzione agricola brasiliana costituendo una delle più influenti lobby del paese, proprio attraverso l’attuazione di politiche ambientali estremiste. Il primo punto di questa lista è il ritiro del Brasile dall’Accordo di Parigi (2015) sul clima, successivamente al quale sarà possibile lasciare mano libera a Paulo Guedes, probabile Ministro dell’Economia, e al suo piano di riduzione dei vincoli ambientali agli investimenti. Tuttavia, i rischi maggiori che la creazione di un superministero unico comporterebbe riguardano la salvaguardia dell’Amazzonia, che si prospetta possa essere riaperta all’attività economica, completando l’autostrada che divide in due il polmone verde del mondo.

Bolsonaro sostiene infatti che il cambiamento climatico e la deforestazione possano essere contrastati servendosi di un rigoroso piano di pianificazione familiare volto ad arrestare l’esplosione demografica, concepita come la principale causa del cambiamento climatico stesso.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi