I grandi piani energetici dell’Uruguay

Leggi anche

di Christian Piscopo
Mentre il mese scorso i leader mondiali di oltre 190 Paesi si sono incontrati a Parigi per discutere con fatica i termini di un nuovo trattato sul cambiamento climatico, finalizzato a ridurre le emissioni globali di CO2, l’Uruguay ha dimostrato che è possibile già ora ottenere grandi risultati attraverso una politica energetica coraggiosa e ecosostenibile.

 «Un piccolo Paese dai grandi piani». Questa la frase pronunciata dal direttore nazionale dell’energia Ramón Méndez  in un’intervista rilasciata l’anno scorso a “WindPower”. Senza ricorrere a sussidi governativi, o aumentare i costi dei consumatori, nel giro di dieci anni l’Uruguay è riuscito a tagliare considerevolmente l’impronta di carbonio aumentando la produzione di energie rinnovabili che oggi costituiscono il 55% del fabbisogno nazionale, rispetto a una media mondiale del 12%. Inoltre i prezzi dell’energia sono calati rispetto al passato.

La morfologia geografica dell’Uruguay ha permesso al Paese di costruire una rete energetica basata su diversi tipi di fonti, tra cui turbine eoliche, energia solare, energia idroelettrica e biomasse, minimizzando anche il rischio di blackout.

La Banca Mondiale, la Commissione economica dell’America Latina e dei Caraibi, e il Wwf, l’anno scorso hanno dunque inserito l’Uruguay nell’elenco dei “Green Energy Leader”.

Il miracolo. A Parigi, al summit delle Nazioni Unite, Méndez ha fatto una promessa che suona miracolosa: tagliare le emissioni di anidride carbonica dell’88% rispetto alla media del periodo 2009-2013, entro il 2017. Per farlo è necessario un chiaro processo decisionale sostenuto da un clima normativo favorevole, una forte sostegno partitico trasversale e un’ energica partnership tra settore pubblico e privato.

Negli ultimi anni gli investimenti energetici sono stati pari al 15% del Pil annuo nazionale, una cifra che si aggira intorno ai sette miliardi di dollari, pari a cinque volte la media dell’America Latina. 

Il segreto. Méndez afferma di aver imparato che le energie rinnovabili sono un “business finanziario”, spiegando come sia possibile mantenere i costi di costruzione e manutenzione bassi e contestualmente attirare investimenti. Ulteriore agevolazione per gli investitori è mantenere il prezzo fisso  per la costruzione di impianti garantito per venti anni dalla società di servizi energetici statale.

Le conseguenze di queste politiche si possono vedere sulla Route 5, che dalla capitale, Montevideo, risale verso nord. In poco più di 300 chilometri ritroviamo tre impianti agroindustriali alimentati a biocombustibile e altrettante centrali eoliche. La concorrenza di imprese straniere interessate a entrare in questo affare ha ridotto ulteriormente i prezzi degli appalti, tagliando del 30% le spese negli ultimi tre anni.

Potenziali ostacoli. Mentre in passato l’Uruguay importava elettricità dall’Argentina, l’estate scorsa lo stesso Uruguay ha venduto al suo vicino un terzo della propria elettricità. Tuttavia, ci sono degli ostacoli. Nonostante l’affermazione del direttore nazionale per l’energia, secondo cui «il potenziale eolico dell’Uruguay è virtualmente illimitato», c’è buona ragione di credere che solo 1.4 GW sarà, nei fatti, l’energia disponibile all’uso nei primi mesi del 2016: «questo è il massimo tecnicamente fattibile, non continueremo ad istallare nuovi impianti a causa della stabilità della rete».

A differenza del Brasile, l’Uruguay non ha intenzione di costruire un’industria eolica pubblica, bensì cercherà di creare un’integrazione produttiva con partner pubblici e privati, che le permetteranno di esportare turbine eoliche.

L’Uruguay è un paese relativamente piccolo, con una superficie di poco più di 172.000 km² e con una popolazione esigua di 3,4 milioni di abitanti; inoltre è un paese che non ha grandi industrie, ma possiede la riserva d’acqua maggiore dell’America Latina. Tenendo conto di queste premesse e della sua eccezionalità, l’Uruguay è stato capace di dimostrare che le energie rinnovabili possono ridurre le spese di produzione dell’energia e soddisfare la maggior parte del fabbisogno energetico laddove i settori pubblico e privato collaborino efficacemente per un obiettivo comune.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi