Il Premio Sacharov a due donne yazide sopravvissute a Isis

Leggi anche

Lo scorso 1° dicembre il Premio Sacharov è stato conferito a due attiviste yazide, sopravvissute all’inferno dell’ISIS. Noi di Zeppelin siamo andati alla cerimonia di premiazione al Parlamento europeo e vi raccontiamo la battaglia di queste donne coraggiose.

Sono Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar, le due giovani yazide vincitrici del Premio Sacharov 2016, il prestigioso riconoscimento che il Parlamento europeo conferisce ogni anno, dal 1988, a quelle persone che si distinguono nella lotta per i diritti umani e le libertà fondamentali. Sopravvissute alla schiavitù sessuale del sedicente “stato islamico”, Nadia e Lamiya sono da allora portavoce delle donne vittime di ISIS e di una campagna di sensibilizzazione sulla tragica condizione della comunità yazida, una minoranza religiosa di etnia curda diffusa in Iraq, nella regione dello Sinjar.

credits: Parlamento europeo
credits: Parlamento europeo

Con il conferimento del Premio Sacharov – dedicato allo scienziato e dissidente sovietico Andrei Sakharov – il Parlamento europeo riconosce e sostiene l’impegno di queste donne nella difesa e promozione dei diritti umani.

La storia di Nadia (21 anni) e Lamiya (18 anni) è simile a quella di centinaia di altre donne yazide: entrambe originarie di Kocho, nel nord dell’Iraq, entrambe rapite dai miliziani di ISIS il 3 agosto 2014, quando la città fu conquistata. Come da rituale, uomini e donne anziane, inutili per fini sessuali, furono giustiziati, mentre donne e bambini furono rapiti: le prime ridotte in schiavitù sessuale e vendute; i secondi indottrinati, addestrati e reclutati.

Nadia e Lamiya hanno sperimentato sulla propria pelle le atrocità di ISIS, gli stupri, le torture, le umiliazioni, e le punizioni per i tentativi di fuga e la loro battaglia è ora raccontarle al mondo intero. Nel dicembre 2015, Nadia Murad è stata ospite al Consiglio di sicurezza dell’Onu, dove ha raccontato i suoi tre mesi di prigionia, di come gli uomini del “califfato” fecero irruzione in casa sua, uccidendo la madre e i sei fratelli, e di come la portarono a Mosul, dove fu violentata, picchiata, venduta ad un uomo che, al suo rifiuto di convertirsi all’Islam, la torturò, e di come fallirono i suoi tentativi di fuga, puniti con lo stupro di gruppo.

Nadia è riuscita a fuggire nel novembre 2014, e nel settembre 2016 è diventata ambasciatrice dell’Onudc per la dignità dei sopravvissuti alla tratta di esseri umani. Lamiya Aji Bashar è invece rimasta in mano a ISIS più a lungo di Nadia, ma ha subito le stesse atrocità: ha tentato la fuga quattro volte e ogni volta è stata punita con terribili stupri e torture. Solo al quinto tentativo è riuscita a fuggire, ma nella fuga è rimasta vittima di una mina, che l’ha sfigurata e lasciata cieca dell’occhio destro.

Queste due giovani donne incarnano il dolore di una intera comunità, vittima di quello che la Commissione indipendente d’inchiesta sulla Siria ha definito un genocidio. Nel 2014 la leadership di ISIS divulgava un manuale in cui istruiva i suoi miliziani su come trattare le schiave sessuali, e nel gennaio 2015 veniva emessa una fatwa in cui venivano snocciolate ancor più nel dettaglio le condotte autorizzate e quelle non autorizzate, partendo dal presupposto che le schiave sono vere e proprie proprietà di cui un miliziano jihadista può disporre a suo piacimento.

Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar ritirano il Premio - credits: Ap Photo
Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar ritirano il Premio – credits: Ap Photo

Le ragazze vengono fatte salire su degli autobus con i finestrini coperti da tendine, per evitare che da fuori si vedano donne non velate, smistate in grossi edifici e poi vendute in appositi mercati come bestiame, con addosso le etichette del prezzo; possono essere rivendute finché non restano incinta: in quel caso, secondo il manuale, il proprietario non può più rivenderle.

I manuali permettono anche il rapporto sessuale con bambine in età prepuberale, se queste sono fisicamente “adatte”: si hanno prove di schiave sessuali di 9 anni. Non sono però solo i manuali a garantire una gestione capillare del fenomeno: vi è anche una sofisticata burocrazia che gestisce i mercati sessuali, le compravendite, le cessioni delle schiave in dono, per cui ogni transazione viene scrupolosamente certificata. Esistono anche dei certificati di emancipazione, con cui un proprietario può concedere libertà alla propria schiava. È un provvedimento piuttosto raro, adottato nel caso in cui un miliziano decida di liberare la propria schiava prima di una missione suicida. In caso contrario, la schiava viene ceduta come eredità o donata ad altri miliziani. Per queste donne, l’unica via di salvezza è la fuga. O la morte. Ma anche quando riescono a scappare, il loro calvario non termina.

[pullquote]
Nelle comunità yazide è proibito il matrimonio interreligioso e lo stupro è uno stigma.
[/pullquote]

Nelle comunità yazide è proibito il matrimonio interreligioso e lo stupro è uno stigma. Le sopravvissute che tornano alle proprie comunità vengono spesso sottoposte a traumatici test di verginità dalle autorità irachene, per dimostrare di essere state abusate, in una spirale di umiliazioni cui le giovani tentano di porre fine con la chirurgia, per riparare l’onta subita o, in casi estremi, con il suicidio.

credits: Parlamento europeo
credits: Ali Ferzat / Parlamento europeo

È anche per questo che la violenza sessuale sulle donne yazide è la cartina di tornasole della politica di annientamento che ISIS applica alla minoranza yazida: la donna diventa lo strumento di annientamento fisico, morale e religioso di una intera comunità.

Si stima che siano tra le 3.500 e le 5.000 le donne yazide ancora in mano all’ISIS, vittime di una fitta rete di atrocità giustificate in nome di una religione che non ha nulla a che vedere con simili orrori. Nel 2015 oltre 70.000 leader musulmani hanno firmato una fatwa che condanna il terrorismo e denuncia che i miliziani del Califfo non sono veri musulmani: nessuna religione può giustificare simili atrocità.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

L’Europa accerchiata

Grexit, brexit, crisi in Ucraina, un'economia che non riparte ed il medioriente che brucia: l'Europa sta pericolosamente scivolando nel caos.

I prossimi passi dell’Iran dopo le elezioni

Di fronte al rifiuto di ogni contestazione della vittoria di Rouhani e di fronte alla recente visita di Trump nella regione, su quale cammino...

Le isole contese nel Mar del Giappone

Le rivendicazioni sul controllo delle isole di questo piccolo lembo di Pacifico, sono divenute gli strumenti di sfogo politico ed istituzionale dei conflitti economici che in questa regione si avvicendano da decenni

Gli ultimi aggiornamenti sulla Grecia

Ue e Grecia hanno raggiunto un accordo per un ulteriore prestito di 10,3 miliardi di €. Dieci ore di trattative che lasciano insoluto il vero problema: la ristrutturazione del debito greco.

Nuovi bombardamenti israeliani su Damasco

Quello condotto nella notte in Siria è il più vasto intervento israeliano contro il nemico iraniano dal 1973.

La Nuova Via della Seta parla anche greco

Per raccontare questa iniziativa di Pechino - che ha obiettivi commerciali e geopolitici - partiremo dalla Grecia, dal porto di Atene, il Pireo, che in questi anni ha ricevuto centinaia di milioni di euro di investimenti per il suo ampliamento e per il suo sviluppo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi