Le vittime di Boko Haram hanno bisogno di soldi

Leggi anche

Giovedì 1 febbraio 2018 l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), insieme a diversi partner attivi nel settore umanitario, ha annunciato una campagna di finanziamento per raccogliere ulteriori 157 milioni di dollari da destinare alle vittime delle violenze di Boko Haram, il gruppo terrorista, jihadista nato nel 2002 in Nigeria e che dal 2013 imperversa nel nordest del paese, ma anche in Camerun, Ciad e Niger.

Il Piano Regionale per i Rifugiati promosso annualmente dalla Nigeria coinvolge nelle operazioni anche 47 tra agenzie ONU e organizzazioni umanitarie e prevede di aiutare nel corso del 2018 circa 208.000 sfollati interni nigeriani e 75.000 rifugiati accolti tra Niger, Camerun e Ciad.

Dalla capitale del Niger, Niamey, l’Alto Commissario dell’UNHCR Kelly T. Clements, ha lanciato un accorato appello ai donatori: “La crisi di Boko Haram si è protratta troppo a lungo ed è tutt’altro che finita. Il mondo non può dimenticarsi delle vittime provocate da questo sanguinoso conflitto.”

Agosto 2016. Il campo profughi di Maiduguri, Nigeria. Credit to: SUNDAY ALAMBA, FILE / AP

Nella lingua haussa Boko Haram è la traduzione di una frase che ricorda come l’educazione occidentale sia un peccato. Nel 2002 la formazione era costituita da fanatici impegnati a protestare per diverse ragioni: l’allentamento dei costumi, l’esistenza di scuole occidentali, l’inefficienza della polizia nel contrastare i commercianti d’alcol, la corruzione.

Nel 2014 i militanti erano ben addestrati, ben equipaggiati e pronti ad agire su larga scala; segno che qualcuno aveva investito sul terrore (Raffaele Masto, La Matrioska Nigeriana, Africa Italiana,11/2017) oltre che dell’aumento, a partire dal 2012, delle pressioni provenienti dal jihadismo internazionale.

Temendo di rimanere vittime delle violenze di Boko Haram e degli attacchi dell’esercito nigeriano, circa un milione di persone ha abbandonato gli Stati del nord-est (Borno e Adamawa), per dirigersi a nord-ovest; a questi sfollati interni vanno aggiunti centinaia di migliaia di profughi provenienti da Camerun, Ciad, Niger, anch’essi finiti nel raggio d’azione del gruppo terrorista. La sicurezza alimentare di 7,2 milioni di persone intorno al lago Ciad è a rischio. (settembre 2017, UNHCR).

Di Daniel Rizzo

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi