C’è un videogame sulla strage di Ustica

Leggi anche

Su Prismo viene intervistato l’ideatore di un videogame atipico che prova a raccontare gli eventi che hanno portato allo schianto dalle parti di Ustica dell’aereo civile DC-9 Itavia. Caccia libici, segreti di Stato ed equilibri internazionali: Progetto Ustica.

Se esiste qualcosa che ogni uomo, di ogni epoca, ha sempre preferito conservare e tutelare gelosamente, questo è senza dubbio il passato. Fin dalle prime incisioni sulla pietra, la nostra specie ha cercato nuovi modi per trasmettere alle generazioni successive le conoscenze accumulate nel tempo. In tal senso, e pur essendo abituati a utilizzarlo prettamente per svago, il videogioco potrebbe dare un importante contributo alla preservazione della memoria. Questa è la convinzione degli sviluppatori di Progetto Ustica: lanciato attraverso una campagna di crowdfunding nel 2015 da Ivan Venturi, game designer e vecchia gloria della produzione videoludica nostrana già noto per Riot: Civil Unrest, il titolo è attualmente ancora in fase di sviluppo (la versione Alpha è già scaricabile, quella definitiva dovrebbe arrivare entro il 2016) e verrà rilasciato gratuitamente per PC e Mac sul sito del progetto e su Steam.

A presentarlo a Prismo è Mauro Salvador, esperto di comunicazione videoludica e coproduttore del progetto: “Vogliamo provare a rievocare la memoria di Ustica colpendo il giocatore sul piano emozionale, facendogli vivere personalmente la tragedia in veste di 82° passeggero a bordo del DC-9. Ivan [Venturi, nda] voleva da tempo recarsi dall’Associazione dei Parenti delle Vittime e proporre un videogioco che potesse far parlare nuovamente della strage; essendo bolognese, credo che alla base della sua volontà di creare questo videogioco ci sia il segno che Ustica ha lasciato nella città”. Ecco: per poter raccontare di Progetto Ustica occorre innanzitutto fornire il contesto generale e, soprattutto, accennare al mistero che tutt’oggi aleggia intorno al tragico destino del volo Itavia 870.

Continua a leggere su Prismo: Muri (virtuali) di gomma

Articolo precedenteCosa sta succedendo nei Balcani?
Articolo successivoLa Libia prima del 2011

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Crimini Ambientali e Conflitti Armati

Come i gruppi ribelli che guidano conflitti in molti paesi del mondo si finanziano attraverso il depauperamento della flora e della fauna.

Cosa diavolo sta succedendo in Turchia, di nuovo

Un attacco terroristico ha ucciso 128 persone durante una manifestazione pacifista ad Ankara, capitale della Turchia, a pochi giorni dalle elezioni. Qual è la situazione nel paese?

La schiavitù nell’epoca del Silicio

La storia della schiavitù nel 2020 non è molto diversa dalla storia della schiavitù in qualsiasi altra epoca. E il caso dello Xinjiang e...

La Polonia resta divisa sui valori dell’Europa

Riconfermato Andrzej Duda alla presidenza della Polonia. Fino all'ultimo è stato testa a testa con Rafal Trzaskovski, il candidato che ha risvegliato lo "spirito europeista".

Echo chamber e la crisi della democrazia diretta

L’argomento migliore contro la democrazia è una conversazione di soli cinque minuti con l’elettore medio — Winston Churchill.

Summit Unione Africana: cosa aspettarsi da questo vertice?

Al 30° summit dell'Unione Africana che si è concluso ad Addis Abeba lo scorso lunedì 29 gennaio, gli stati membri hanno definitivamente dato il via alla liberalizzazione del traffico aereo e la creazione di un'area di libero scambio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi