Ospite inatteso del festival South by Southwest (9 – 17 Marzo) organizzato a Austin in Texas, Elon Musk fondatore di SpaceX e Tesla, ha ricordato con voce suadente come gli esseri umani siano chiamati a riconoscere l’importanza della colonizzazione di Marte così da sopravvivere a loro stessi, nell’eventualità di una terza guerra mondiale. “Marte è lontano abbastanza dalla terra, (..) qualora dovesse scoppiare un conflitto planetario, una base permanente su Marte, assicurerebbe la sopravvivenza della civiltà umana, che a un certo punto potrebbe essere riportata sulla terra, così da tagliare le gambe ai tempi difficili.”  

Leggi anche: Mars One: Se il mondo non basta

SpaceX sta lavorando alla costruzione di un mezzo capace di trasportare civili su Marte: il BFR (Big Fucking Rocket), che dovrebbe essere pronto per effettuare i primi test di volo entro la prima metà del 2019 (salvo ritardi già preventivati); tuttavia non sarebbero molti coloro disposti a partire alla conquista del pianeta rosso, dato che lungi dall’essere una scappatoia per ricchi, si tratterebbe più di una missione ad alto rischio.

Eliza Ungaro
Leave a reply

Lascia un commento