In Perù si è tenuto l’ottavo Summit delle Americhe

Leggi anche

Si è svolto a Lima, in Perù, l’ottavo Summit delle Americhe apertosi il 13 aprile sotto il tema: “Governance democratica contro la corruzione”. Un tema delicato se si considera che sono diversi i Paesi nell’area investiti da scandali di corruzione, ma che tuttavia non è stata l’unica difficoltà registrata durante il complesso vertice.

A livello globale, il Summit è stato oscurato dagli sviluppi in Siria, che hanno spinto il presidente americano Trump a cancellare la sua partecipazione al Summit e a inviare al suo posto il Vice Presidente Mike Pence.

Il vicepresidente americano Mike Pence stringe la mano al ministro peruviano Javier Pique al suo arrivo all'aeroporto internazionale Jorge Chavez di Lima, in Perù, il 13 aprile 2018. Credits to: AP/Karel Navarro.
Il vicepresidente americano Mike Pence stringe la mano al ministro peruviano Javier Pique al suo arrivo all’aeroporto internazionale Jorge Chavez di Lima, in Perù, il 13 aprile 2018. Credits to: AP/Karel Navarro.

Mentre il primo ministro canadese Justin Trudeau ha espresso sostegno al raid missilistico in Siria di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna, diverse nazioni latino-americane tra cui Brasile, Argentina e Perù hanno invece espresso preoccupazione per l’escalation militare.

Anche a livello regionale non mancano le tensioni.

In primo luogo, la recente decisione di Trump di inviare truppe al confine con il Messico per contrastare l’immigrazione sta esacerbando i rapporti con Messico, El Salvador e Honduras, che risentono dal giro di vite dell’amministrazione Trump, che ha espulso decine di immigrati provenienti da questi Paesi.

In secondo luogo, la crisi venezuelana ha portato instabilità non solo politica ma anche economica nell’area, senza contare che continua a produrre migliaia di rifugiati che si riversano in numero sempre maggiore in Brasile e Colombia.

Leggi anche: UNHCR: aumentano i venezuelani in fuga verso il Brasile

Il Venezuela terrà le elezioni presidenziali a maggio e diversi governi latinoamericani hanno dichiarato che non ne riconosceranno il risultato dopo che presidente venezuelano Nicolas Maduro ha proibito all’opposizione di concorrere alle elezioni con un provvedimento adottato a gennaio. Per protesta contro la deriva autoritaria di Maduro e contro le sue violazioni dei diritti umani, il leader venezuelano non è stato invitato al Summit.

Il presidente dell'Argentina Mauricio Macri (sinistra) e il presidente panamense Juan Carlos Varela (destra) a Lima, Perù. Credits to: Azabache/AP.
Il presidente dell’Argentina Mauricio Macri (sinistra) e il presidente panamense Juan Carlos Varela (destra) a Lima, Perù. Credits to: Azabache/AP.

Una dichiarazione congiunta, firmata da 16 Paesi tra cui Brasile, Messico, Argentina, Cile e Stati Uniti, afferma infatti che le elezioni venezuelane del 20 maggio sarebbero “prive di legittimità e credibilità” se andassero avanti nelle condizioni attuali e chiede il rilascio dei prigionieri politici e libere elezioni.

Leggi anche: il gruppo di Lima isola Maduro

Esorta inoltre le organizzazioni internazionali a sostenere i Paesi confinanti al Venezuela per gestire il flusso di migranti e chiede a Maduro di permettere l’accesso nel suo Paese agli aiuti umanitari, cosa che ha finora rifiutato di fare, negando che ci sia una crisi umanitaria in Venezuela. Il Vice Presidente americano Pence ha annunciato al Summit lo stanziamento di 16 milioni di dollari per i rifugiati venezuelani, che andranno in parte al piano regionale in Colombia e Brasile dell’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati.

La dichiarazione include anche 57 punti di azione che il presidente peruviano Martin Vizcarra ha detto che costituiranno una base per combattere la corruzione. Gli analisti, tuttavia, sono scettici sul fatto che porteranno a qualsiasi cambiamento tangibile, sia perché richiedono riforme lunghe e strutturate sia perché molti dei capi di Stato presenti dirigono amministrazioni accusate di usare male i fondi pubblici e di ostacolare la giustizia.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

L’anarchia internazionale

Terza uscita della nostra rubrica sulla teoria politica alla base delle relazioni internazionali, scritta in pillole di rapida consultazione. Per poter capire il mondo della...

Cosa farà l’Italia in Consiglio di Sicurezza dell’Onu

Quali sono le posizioni che il nostro Paese sosterrà presumibilmente durante il suo mandato sui temi più importanti dell’agenda internazionale.

Emergenza umanitaria nel Mar Mediterraneo

L'emergenza umanitaria nel mar Mediterraneo fa dubitare circa le capacità dell'Europa di valorizzare le risorse della potenza di cui dispone.

Il 2015 visto dall’ONU

M0_kxsCFZOQ United Nations - 2015 - it was a year of triumphal moments and haunting images: A little boy, washed up on the shore symbolising...

La tragedia dei profughi e le debolezze dell’Europa

Il dramma dei profughi siriani, usati da Erdogan e Putin come arma di ricatto nei confronti dell'Europa, mette a nudo la pavidità di noi...

Chi è James Mattis, l’uomo che sta contenendo Donald Trump

Di fronte al caos proveniente dalla Casa Bianca, una solida figura rimane a rassicurarci sullo sfondo. Quella del Segretario alla Difesa, James Mattis.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi