di Lorenzo Carota e Samantha Falciatori, che ha tradotto l’accordo.
La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di quei fenomeni che travalicano i confini naturali di quella terra. Per questo motivo la nostra Rivista seguirà più da vicino la guerra siriana, che in realtà sono tante guerre diverse e sovrapposte, in modo da fornire un quadro sempre aggiornato e il più chiaro possibile.
accordo militare russia siria
Il governo russo ha divulgato un documento – qui tradotto per voi – che permette di mettere nella giusta prospettiva la presenza militare e gli obiettivi di Mosca in Siria. Ecco l’accordo militare Russia-Siria.

Il 26 agosto scorso la Federazione Russa e il governo siriano hanno firmato un accordo che permette a Mosca piena libertà di manovra al personale russo presente in Siria. Un mese dopo la firma dell’accordo, il 30 settembre, iniziarono le missioni militari dell’aviazione russa, necessarie per puntellare il governo di Bashar al-Assad e salvaguardare le importanti risorse strategiche del Cremlino nel Mediterraneo, come le basi di Tartous e Latakia. Quel documento, di cui si sospettava l’esistenza, è stato pubblicato dal governo russo giovedì 14 gennaio.

[ecko_toggle style=”solid” state=”closed” title=”Il documento originale”]

Russian-Syrian military pact

[/ecko_toggle]

Accordi di questo tipo – chiamati Status of Forces Agreements – sono piuttosto comuni nelle relazioni internazionali. Spesso, il personale diplomatico e militare dispiegato in un paese terzo, a determinate condizioni d’ingaggio, gode di una qualche forma di privilegio e immunità. L’accordo firmato tra il governo siriano e la Russia è piuttosto netto, diciamo, e permette ampissimi margini di manovra e libertà al personale russo, tanto da mettere in discussione la stessa sovranità del governo siriano. Ciò non deve stupire, la Siria che conoscevamo è uno stato fallito, e il governo siriano di al-Assad non ha nessun tipo di potere contrattuale nei confronti di Mosca, che quindi gioca – comprensibilmente – alle proprie regole.

Secondo quanto riportato dal documento, tutto il personale russo – civile e militare – dispiegato in territorio siriano godrebbe di totale immunità e avrebbe piena libertà di movimento. Mosca è sollevata da ogni responsabilità riguardo i danni a cose e persone, ed è tenuta solo ad informare la controparte delle proprie azioni. L’accesso alle strutture impiegate dal Gruppo di aviazione russo non è consentito a personale siriano, se non su approvazione del Comandante russo di riferimento.

L’accordo militare ha inoltre una durata indeterminata, che si interrompe un anno dopo che una delle parti notifica all’altra la conclusione dell’accordo. Ciò significa che se domani il governo siriano informasse i russi che non è più richiesta la loro presenza, Mosca potrebbe rimanere in territorio siriano per un altro anno alle stesse condizioni diplomatiche e militari stipulate nell’accordo di agosto.

Secondo l’analista militare Alexander Golts, interpellato da Afp, questo accordo risponde perfettamente agli interessi russi in Siria,

“Russia can halt its operation at any time so it does not have any responsibilities before Syria, at the same time it can stay there for as long as it wishes. It’s totally up to the Russian authorities.”

Come avevamo già sottolineato, l’interesse primario di Mosca non sarebbe quello di “salvare” il governo dell’alleato Bashar al-Assad, bensì conservare le proprie prerogative strategiche sulla costa siriana. Per avere un’idea più chiara dell’accordo lo abbiamo tradotto e ve lo riproponiamo qui di seguito.


[ecko_alert color=”gray”]Accordo tra la Federazione Russa e la Repubblica Araba Siriana sul dispiegamento di un gruppo di aviazione delle Forze Armate Russe sul territorio della Repubblica Araba Siriana.[/ecko_alert]

La Federazione Russa e la Repubblica Araba Siriana, più avanti denominate “parti dell’accordo”, sulla base delle disposizioni del Trattato di Amicizia tra l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche e la Repubblica Araba Siriana dell’8 ottobre 1980, oltre agli accordi firmati tra il Ministero della Difesa della Federazione Russa e il Ministero della Difesa della Repubblica Araba Siriana in data 7 luglio 1994, in conformità con l’aspirazione comune di proteggere la sovranità, l’integrità territoriale e la sicurezza della Federazione Russa e della Repubblica Araba Siriana;

Riconoscendo che il dispiegamento di un gruppo dell’aviazione russa sul territorio della Repubblica Araba Siriana ha lo scopo di mantenere la pace e la stabilità regionale. Il suo scopo è puramente difensivo e non è diretto contro qualunque altro stato;

Confermando il comune impegno nella lotta contro il terrorismo e l’estremismo;

Rendendosi conto della necessità di consolidare gli sforzi per contrastare le minacce terroristiche;

Convengono su quanto segue:

Articolo 1

Termini dell’accordo

Articolo 2

Oggetto dell’accordo

  1. Su richiesta della parte siriana, la Federazione Russa sta dispiegando un gruppo di aviazione russo sul territorio della Repubblica Araba Siriana;
  2. luogo del dispiegamento del gruppo di aviazione russo ed elenco degli impianti trasferiti alla parte russa sono stipulati in un protocollo separato al presente accordo;
  3. per il dispiegamento del gruppo di aviazione russo, la parte siriana fornisce la base aerea Hmeymim nella provincia di Latakia, con la sua infrastruttura, così come il territorio richiesto concordato dalle parti;
  4. la base aerea Hmeymim e le sue infrastrutture sono previste per l’uso da parte della Federazione Russa a titolo gratuito;
  5. l’impiego del gruppo di aviazione russo è effettuato su decisione del Comandante del gruppo e in conformità con i piani concordati tra le parti.

Articolo 3

Agenzie autorizzate

Articolo 4

Composizione del gruppo di aviazione russo

  1. la composizione (tipo e quantità di equipaggiamento aereo, munizioni e attrezzature militari, nonché le dimensioni del personale) del gruppo di aviazione russo è definita dalla parte russa d’intesa con la parte siriana;
  2. l’organizzazione e la lista del personale del gruppo di aviazione russo sono sviluppate, approvate e modificate dall’agenzia autorizzata della parte russa, con notifica all’agenzia autorizzata della parte siriana.

Articolo 5

Importazione ed esportazione dei beni e trasferimento del personale

  1. La parte russa ha il diritto di far entrare e far uscire dalla Repubblica Araba Siriana qualsiasi equipaggiamento, munizione, proiettile e altro materiale necessario al gruppo di aviazione, senza alcun costo o dazio;
  2. tutti i beni mobili e le infrastrutture dispiegate temporaneamente dalla parte russa alla base aerea di Hmeymim restano di proprietà della Federazione Russa;
  3. il personale del gruppo di aviazione russo deve essere in grado di attraversare liberamente il confine, su presentazione dei documenti di viaggio validi per l’uscita dalla Russia, e non sono soggetti a controllo doganale o delle frontiere.

Articolo 6

Immunità e privilegi

  1. I militari russi rispettano le leggi, i costumi e le tradizioni del paese di soggiorno, di cui saranno informati al loro arrivo in Siria;
  2. il contingente militare russo gode dell’immunità dalla giurisdizione civile e amministrativa della Siria;
  3. Beni mobili e immobili del gruppo di aviazione russa sono inviolabili. I rappresentanti della Repubblica Araba Siriana non hanno il diritto di entrare nel luogo di dispiegamento, senza previo accordo con il Comandante;
  4. i militari e le loro famiglie godono di tutti i privilegi previsti dalla Convenzione di Vienna del 1961 sulle Relazioni Diplomatiche;
  5. qualsiasi proprietà appartenente al gruppo di aviazione russo è stata dichiarata immune e inviolabile.

La Siria si impegna inoltre ad esonerare il gruppo aereo russo da tutte le imposte dirette e indirette.

Articolo 7

Liquidazione dei sinistri

  1. La Repubblica Araba Siriana non avanza pretese alla Federazione Russa, al gruppo di aviazione russo e al suo personale, e non deve intentare alcuna causa legale connessa all’attività del gruppo di aviazione russa e del suo personale;
  2. la Repubblica Araba Siriana si assume la responsabilità della liquidazione dei sinistri che potrebbero essere avanzati da terzi in conseguenza di danni causati dalle attività del gruppo aereo russo e del suo personale.

Articolo 8

Tasse e benefici

La Repubblica Araba Siriana esonera il gruppo di aviazione russa dalle imposte dirette e indirette.

Articolo 9

Modifiche dell’accordo

Previo accordo tra le parti il presente accordo può essere modificato. Le modifiche devono essere stipulate in protocolli separati.

Articolo 10

Risoluzione delle controversie

Tutti i disaccordi derivanti l’utilizzo e l’interpretazione del presente accordo sono risolte attraverso consultazioni.

Articolo 11

Data effettiva

L’accordo viene utilizzato temporaneamente dalla data della firma ed entra in vigore a partire dalla data di notifica, per via diplomatica, dell’adempimento delle procedure interne delle parti.

Articolo 12

Durata dell’accordo e sua termine

Questo accordo è a tempo indeterminato. Può essere interrotto da uno dei firmatari previa notifica scritta. In questo caso, l’accordo perde di validità un anno dopo che la notifica è stata ricevuta dall’altra parte contraente.

L’accordo è stato firmato a Damasco il 26 agosto 2015, in russo e arabo, con i due testi ugualmente autentici.

(Firme)

di Lorenzo Carota, traduzione di Samantha Falciatori
Redazione
Leave a reply

Lascia un commento