Nuovi bombardamenti israeliani su Damasco

Leggi anche

Le tensioni pluridecennali tra Iran e Israele stanno trovando sfogo nel già lungamente martoriato campo siriano. In risposta ad un attacco iraniano contro obiettivi militari israeliani, la Israel Defence Force ha compiuto nella notte tra il 9 e il 10 Maggio un vasto contrattacco contro infrastrutture iraniane in Siria.

Secondo il Tweet del Tenente Colonnello Jonathan Conricus, a capo della comunicazione della IDF, l’aviazione di Tel Aviv ha colpito decine di infrastrutture iraniane in territorio siriano, in risposta ad un fallito attacco delle forze Quds, (le forze speciali di Teheran), ad obiettivi militari israeliani sulle alture del Golan: dopo aver monitorato nei giorni scorsi delle attività sospette da parte delle forze iraniane nei pressi delle alture, infatti, sempre secondo l’esercito israeliano, le forze Quds avrebbero sparato 20 missili contro postazioni israeliane, non provocando alcuna vittima tra i militari, ma scatenando la rappresaglia dell’aviazione, che ha condotto la più vasta operazione militare contro il nemico iraniano dal 1973, colpendo numerosi depositi di munizioni, postazioni dell’intelligence e una base delle forze Quds vicino a Damasco.

[IDF tweet]

Nelle intenzioni dell’esercito israeliano, la vastità del contrattacco mira a stroncare sul nascere qualsiasi possibilità di escalation con Teheran e, al contempo, dare un messaggio inequivocabile a chiunque voglia attaccare Tel Aviv; durante la conferenza stampa a seguito dell’operazione, il Ministro della difesa israeliano Avigdor Lieberman ha infatti sottolineato come gli stati in Medioriente debbano “capire che se faranno piovere su di noi, noi scateneremo una tempesta su di loro”; una posizione unilaterale che va a mettere ulteriore pressione sulla posizione strategica della teocrazia iraniana, già duramente colpita dal recente annuncio del Presidente americano Trump di voler uscire dall’accordo sul nucleare siglato dalla precedente Amministrazione Obama.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Geografia del Rischio: Maghreb

L'attacco al Museo del Bardo a Tunisi, il caos libico, le ferite della guerra civile algerina e le tensioni regionali marocchine. Il Maghreb di fronte alla minaccia jihadista.

Dog fight Ankara – Atene

Un presunto Close Combat tra caccia incendia ulteriormente i cieli del mediterraneo orientale

La tragedia dei profughi e le debolezze dell’Europa

Il dramma dei profughi siriani, usati da Erdogan e Putin come arma di ricatto nei confronti dell'Europa, mette a nudo la pavidità di noi...

Il grafico più deprimente del mondo

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi/Imf) ogni anno pubblica le proprie stime di crescita globale. Dal 2010 queste stime vengono periodicamente disattese al ribasso. Se...

Francia, Germania e UK difenderanno il patto con l’Iran

In una telefonata comune avvenuta domenica, Theresa May, Emmanuel Macron e Angela Merkel si sono detti unanimemente concordi nel sostenere e difendere gli accordi...

È ufficiale, l’Ema si trasferirà ad Amsterdam

Il Parlamento europeo ha votato, come conseguenza alla Brexit, per il trasferimento dell'Agenzia per il farmaco da Londra a Amsterdam. Ufficialmente fuori dai giochi la candidatura di Milano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi