Skrunda-1, la città segreta dell’Urss in Lettonia

Leggi anche

Due giornalisti del “The Baltic Times“, Duncan Brown e Bradley Jardine, hanno fatto un giro per Skundra, una cittadina che a prima vista potrebbe sembrare una delle tante della Lettonia, se non che a pochi kilometri di distanza si può trovare Skrunda-1, definita dal The Guardian “l’esempio più rappresentativo di una città segreta abbandonata di epoca comunista”.

Nel periodo della Guerra Fredda l’Unione Sovietica ha costruito sul suo territorio qualcosa come 40 cittadelle segrete, solitamente per motivi militari. Una delle più famose è sicuramente Pripyat, cittadina posta a 3 km da Chernobyl ed evacuata in poche ore dopo il disastro nucleare del 1987. Lo stesso destino, per motivi decisamente meno drammatici, è toccato a molti altri insediamenti segreti sovietici, tra cui figura anche Skrunda-1.

Dopo anni di abbandono, aste fallimentari e degrado post-sovietico, il governo lettone si è deciso ad intervenire e ha destinato metà dell’area del complesso cittadino abbandonato, a zona militare. L’altra metà sarà data in affitto a prezzi molto bassi, con clausole di investimento.

photo by Duncan Brown
Murales con Lenin in un palazzo a Skrunda-1 / photo by Duncan Brown

Nel momento di “massimo splendore”, Skrunda-1 ospitava 5 mila abitanti, e suppliva ad un importante ruolo strategico per l’Urss. Questo luogo era infatti deputato al controllo radar “early-warning” per eventuali attacchi nucleari su territorio sovietico.

photo by Duncan Brown
Una stazione radar in disuso / photo by Duncan Brown

photo by Duncan Brown
Una fabbrica abbandonata / photo by Duncan Brown

Dopo il crollo dell’Urss la Russia avrebbe voluto continuare a mantenere il controllo di alcune di queste cittadine militari, compresa Skrunda-1, ma i lettoni non accettarono una presenza “capace di minare la sovranità” del nuovo Stato lettone.

photo by Duncan Brown
Sotto Skrunda-1 ci sono 100 acri di bunker collegati ai palazzi in superficie / photo by Duncan Brown

photo by Duncan Brown
Una palestra scolastica con alcuni murales di propaganda sulle pareti / photo by Duncan Brown

photo by Duncan Brown
“La vittoria inizia qui” / photo by Duncan Brown

L’ultimo abitante di questa desolante e spettrale cittadina andò via nel 1999.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi