Agenda 2030: come assicurare il benessere e la salute mondiale

Leggi anche

Come assicurare nel quotidiano, la salute e il benessere.


Quando i diplomatici di diversi stati si incontrarono nel 1945 per costituire le Nazioni Unite, uno degli argomenti sul tavolo di negoziazione fu l’istituzione di un’organizzazione finalizzata al mantenimento e alla promozione della salute su scala globale. L’Organizzazione Mondiale della sanità (OMS, o WHO secondo l’acronimo inglese) venne costituita nel 1948, con lo scopo di raggiungere

“The enjoyment of the highest attainable standard of health is one of the fundamental rights of every human being without distinction of race, religion, political belief, economic or social condition”.

La definizione di salute adottata dall’OMS comprende uno stato di benessere completo, fisico, mentale e sociale, e non solo la mera assenza di malattia o infermità. In ragione di questa visione olistica dello stato di salute, gli stati e gli organi decisionali dell’OMS hanno nel tempo sancito alcuni principi fondamentali quali per esempio la stretta correlazione tra la salute di tutte le genti e il mantenimento della pace e della sicurezza mondiali, l’opportunità di contrastare disparità tra stati su questo fronte e la pericolosità di sviluppi disomogenei nella promozione della salute e nel controllo delle malattie su scala mondiale.

Il quartier generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Ginevra, Svizzera

Bisognerà attendere il 1966, con il Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali, affinché la salute venga ufficialmente riconosciuta come diritto fondamentale di ‘tutti i membri della famiglia umana’ (preambolo del Patto).

Attenzione però: il Patto è uno strumento di diritto internazionale con finalità di indirizzo per gli stati e quindi privo di forza vincolante. Questo significa, in poche parole, che nessun ‘membro della famiglia umana’ potrà rivolgersi a un giudice lamentando che il suo diritto alla salute conferitogli dal Patto è stato violato, salvo il ricorrere di condizioni molto particolari e rare. E’ interessante notare che anche i Sustainable Development Goals, oggetto di questa serie di conversazioni, non hanno natura vincolante.

Sono quindi solo parole al vento? Noi crediamo di no, perchè esiste una grossa differenza con il Patto: i Goals dialogano non solo con gli stati, ma direttamente con le persone, le aziende, le associazioni. Ogni membro della famiglia umana ha un interesse diretto a vivere in un mondo più equo, meno inquinato e più a misura d’uomo e di donna. I Goal aiutano a capire come raggiungere questo obiettivo globale.

Leggi anche: Agenda 2030: l’eliminazione della povertà 

La salute è un bene di tutti e tutti sono tenuti a contribuire per preservare  questa fondamentale struttura della società, partendo dalla prevenzione, menzionata espressamente dalla Carta Europea.

Dai vaccini alle distanze sociali in caso di epidemia, l’appartenere alla ‘famiglia umana’ impone di avere cura della salute tanto per il benessere individuale quanto per quello collettivo. In termini giuridici, quindi, la salute non è solo un diritto, ma anche un dovere nei confronti della comunità.

Un’infermiera che lavora per il WHO nella Repubblica Democratica del Congo si prepara a somministrare il vaccino contro Ebola. Credit to: Junior D. Kannah/AFP/Getty Image

In questa sede ci piace riflettere ancora su un aspetto, che con lungimiranza e precorrendo i tempi, era già stato inquadrato dalla Costituzione dell’OMS, ovvero l’approccio olistico alla nozione di salute. Nonostante siano trascorsi 72 anni dall’adozione di questo documento, la salute mentale ed emotiva continua a essere considerata come un quid minus rispetto alla salute fisica. Nell’Agenda 2030 si ritrova questo approccio complessivo alla salute, il testo affronta la tematica in ogni suo elemento, rispettando le aspettative verso un documento così ambizioso.

Leggi anche: Agenda 2030: 17 modi per cambiare il mondo, un passo alla volta. 

La trattazione di questo tema richiederebbe uno spazio più ampio rispetto a quello che possiamo dedicargli nel nostro articolo, ma ciò che vogliamo trasmettere in questa sede è il taglio pratico e la possibilità di applicare nella quotidianità i principi generali racchiusi nell’Agenda.

Sono 9 i target in cui è suddiviso il goal numero 3, poiché il tema della salute e del benessere è estremamente complesso e si sviluppa secondo diverse direttrici.

Salute infantile e salute materna

I primi due target sono dedicati all’obiettivo di ridurre la mortalità delle madri a seguito del parto e la mortalità infantile e neonatale.

Nella parte del mondo in cui viviamo, il problema della mortalità materna e infantile è  inferiore rispetto a quella dei Paesi in via di sviluppo, ma non va dimenticato che le madri e i bambini rappresentano una categoria che deve essere tutelata.

Ciò che un imprenditore italiano può fare per raggiungere questo obiettivo è provvedere a creare un sereno clima per le donne nella propria azienda, fornendo loro la possibilità di avere assicurazioni ad hoc, permettendo loro di gestire il periodo di maternità senza il timore di essere licenziate, fornendo la possibilità a tutte di accedere al giusto sostegno sanitario.

Inoltre, giova anche una corretta comunicazione aziendale, improntata al rispetto per la decisione di avere figli e che non discrimini il genere femminile solo perché ha il compito di portare avanti la gravidanza e dovrà quindi assentarsi dal proprio posto di lavoro per qualche tempo. Inoltre, l’equiparazione dei genitori sul piano della gestione della prole sarebbe di grande aiuto per la famiglia e consentirebbe anche alle madri di avere maggior cura della propria salute e di non subire discriminazioni, oltre a equiparare tra i generi la possibilità di carriera.

Per quanto concerne specificamente i bambini, ciò cui si può porre attenzione è il fatto che i minori non siano esposti a sostanze dannose per la loro salute, oltre ad assicurarsi che possano avere tutte le cure di cui necessitano. Uno dei bisogni primari dei bambini è la possibilità di essere seguiti dalla propria famiglia, la quale deve quindi essere posta in condizione di fornire la necessaria assistenza alla prole e potersi procurare alimenti e beni materiali che favoriscano il corretto e sano sviluppo dei figli.

HIV/ AIDS, Malaria e altre malattie

Il terzo target dell’Agenda si rivolge alle malattie quali AIDS, tubercolosi, epatite, malattie tropicali, malattie derivanti dall’acqua e malattie trasmissibili. Non ci si deve far persuadere dall’idea che questo tipo di patologie sia solo un problema di altri Paesi, in primo, luogo perché non è oggettivamente così, in secondo luogo perché il mondo è composto da un’unica comunità di persone e l’Agenda mira proprio a unificare le genti di tutto il pianeta, per cui se è vero che la malaria non è più un problema strettamente italiano, esso rimane comunque un problema umano e, come tale, riguarda tutti.

Che fare quindi?

La principale azione che possiamo portare avanti con riguardo a questo target è informare. L’informazione interna all’azienda sulle malattie trasmissibili, comprese quelle sessualmente trasmissibili è fondamentale, così come lo è la non discriminazione di persone affette dalle patologie indicate nel target, anche se possono essere molto invalidanti. Provvedere a che tutti i propri dipendenti abbiano un’adeguata copertura sanitaria ha certamente un suo peso, così come lo ha l’incentivo a consultare le sedi della “medicina dei viaggi” prima di recarsi all’estero. In questo modo, oltre a prevenire il diffondersi di patologie, si sensibilizza sul problema della loro esistenza.

Benessere fisico e mentale

Come già precisato in precedenza, quando si parla di salute, ci si deve riferire anche alla mente, non solo al corpo. L’Agenda precisa questo concetto nel suo quarto target del goal 3, in cui si parla, oltre alla riduzione della mortalità dovuta a malattie non trasmissibili, anche di salute e benessere mentale.

In questo caso, le nostre azioni concrete sono di informazione e incentivo: diffondere la cultura della salute sul posto di lavoro e in ambiente domestico, oltre che incentivare i propri dipendenti e collaboratori a ricorrere a un’adeguata prevenzione.

La promozione di uno stile di vita sano è fondamentale e praticabile da chiunque, così come la gestione in sicurezza del posto di lavoro. Questo comporta anche l’eliminazione dell’esposizione ad agenti tossici e/o inquinanti e il garantire a tutti la possibilità di avere cibo e beni materiali sani e salubri, oltre alla possibilità di praticare sport.

Inoltre, da non dimenticare è il supporto psicologico in situazioni di disagio, oltre alla promozione di adeguati strumenti di prevenzione e cura di patologie psichiatriche. Importante è anche la non discriminazioni di soggetti che devono o vogliono seguire un percorso di accompagnamento psicologico o che hanno necessità di assumere psicofarmaci: eradicare la paura e il disprezzo verso chi soffre di malattie mentali o chi ha bisogno di aiuto è un primo passo verso il miglioramento della salute e del benessere mentali.

L’abuso di sostanze

La salute non è solo assenza di malattie, è anche un corretto rapporto con l’alcool ed il rifiuto di assumere sostanze stupefacenti o comunque dannose per l’organismo. In questo caso, informazione e prevenzione sono la chiave di soluzione del problema, unite alla non discriminazione ed al supporto per chi si trova in situazioni di dipendenza.

Gli incidenti stradali

Il sesto target si riferisce alla riduzione dei danni cagionati alla persona a seguito di incidenti dovuti al traffico veicolare. La questione degli incidenti stradali è in primo piano da diverso tempo ed è anche stata oggetto di una legislazione fortemente repressiva.

Ciò che un imprenditore può fare per il raggiungimento di questo obiettivo è agire sul piano della formazione circa la sicurezza stradale, informarsi del modo in cui i propri dipendenti si recano al lavoro e fornire formazione specifica, ad esempio su come utilizzare correttamente tutte le dovute precauzioni se si va in bicicletta ed incentivare il più possibile ad utilizzare i mezzi pubblici. Un altro spunto è quello di verificare che tipo di mezzi utilizzano i partner della supply chain e le politiche adottate in tema di sicurezza stradale.

Accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva

Il settimo target fa riferimento ad un argomento che, nel nostro Paese, è piuttosto difficile da affrontare con serenità: la salute circa la sfera sessuale e riproduttiva, la pianificazione delle gravidanze, l’informazione e l’educazione sulla salute riproduttiva e l’inserimento di quest’ultima in precise strategie nazionali. Quello che occorre fare è, anche in questo caso, fornire formazione. Trattare questo tipo di argomenti spesso sembra difficile, ma la prevenzione e la consapevolezza nella propria vita sessuale e riproduttiva sono la chiave per risolvere il problema delle malattie sessualmente trasmissibili e delle gravidanze indesiderate o non ponderate e questi non sono temi da trattare solo nelle scuole. Assicurare che i propri dipendenti possano avere tutte le informazioni necessarie, nonché l’accesso a strutture mediche sia di prevenzione che di cura o anche di semplice supporto, è il modo migliore per raggiungere l’obiettivo dato da questo target.

Copertura sanitaria universale

L’ottavo target tratta l’annoso problema della garanzia alla salute, dal punto di vista economico. Se è vero che tutti devono poter fruire delle adeguate cure e degli adeguati strumenti preventivi, nella realtà non è così e l’Agenda ci offre alcuni spunti per ovviare al problema. Innanzi tutto, poiché la salute deriva da uno stile di vita sano, ci si può adoperare affinché tutti i collaboratori seguono un adeguato stile di vita, in conformità alle proprie esigenze culturali. Inoltre si può fare in modo che tutti abbiano un’adeguata copertura sanitaria e si può verificare se lo stipendio percepito sia adeguato ad affrontare eventuali spese sanitarie, anche con riferimento allo stato della sanità locale ed all’eventualità di doversi spostare. Inoltre, si può fare in modo che queste tematiche vengano affrontate da chi ha potere politico e amministrativo, in modo da sanare eventuali disuguaglianze sul territorio.

L’esposizione a sostanze nocive

Infine, l’Agenda con il nono target si prefigge l’obiettivo di proteggere la salute delle persone da sostanze chimiche nocive e dall’inquinamento di aria acqua e suolo. L’imprenditore, in questo caso, può adoperarsi per adottare i migliori standard di sicurezza sul luogo di lavoro (andando anche oltre le prescrizioni di legge), provvedere ad un’adeguata formazione dei propri dipendenti, verificare se la propria impresa produce o sversa sostanze inquinanti per la salute delle persone che abitano nei pressi dello stabilimento e verificare le emissioni delle proprie aziende partner e dei fornitori.

Gli argomenti sono tanti, ma il principio della salute garantita ed accessibile a tutti è non solo un obiettivo importante dell’Agenda 2030 e neanche solo un principio garantito dalla Costituzione Italiana e da diversi trattati sovranazionali, è un diritto innegabile di ciascuno e le azioni che vengono proposte sono tutt’altro che fuori dalla nostra portata.


Proponiamo ora un questionario, per un ulteriore momento di analisi della propria azienda dal punto di vista dell’applicazione dei principi di questo goal dell’Agenda 2030

  • Lo strumento della legge 104 è gestito presso la mia azienda come tutela del diritto e dovere alla salute?
  • Come imprenditore e quindi leader della comunità aziendale, ho cura della salute emotiva e psichica dei collaboratori?
  • Ho mai sentito parlare del Word Mental Health Day?
  • Incoraggio i miei dipendenti a seguire pratiche di prevenzione?
  • Ho già provveduto a sostituire i distributori di cibo spazzatura per gli spuntini con prodotti sani e locali?
  • Garantisco al mio personale dipendente ed ai miei collaboratori l’accesso alle cure per la maternità?
  • Fornisco informazioni sui rischi derivanti dal fumo di sigaretta e creo occasioni di socializzazione / pausa dal lavoro alternative?
  • I figli dei miei dipendenti e collaboratori hanno disponibilità di risorse adeguate per garantire la loro salute?
  • Fornisco incentivi all’utilizzo di mezzi pubblici?
  • Lo stipendio dei miei dipendenti è adeguato ad affrontare eventuali emergenze sanitarie familiari?

 

Di: Isabella Querci, Elisa Traverso

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi