Giappone e Europa: è finita l’era del protezionismo

Leggi anche

E’ stato firmato martedì 17 luglio il nuovo trattato commerciale tra Unione europea e Giappone. Ma cosa prevede l’accordo e quali saranno le novità per i 28 Stati del vecchio continente?

Addio ai dazi tra Tokyo e gli Stati membri dell’Unione, ma anche novità su temi come ecologia, tutela dei prodotti tipici e innovazione.

Il nuovo accordo commerciale tra Giappone e Europa avrà lo scopo di rafforzare la cooperazione tra i due partner, impegnando le parti anche verso uno sviluppo sostenibile così come previsto dall’accordo sul clima di Parigi.

Un documento, quello firmato a Tokyo dai vertici dell’Unione e dal premier nipponico Shinzo Abe, che aprirà ai consumatori giapponesi il mercato europeo aumentando quindi sia le esportazioni, che le importazioni.

Cosa prevede l’accordo tra Europa e Giappone?

Libero scambio. Queste le parole d’ordine dell’accordo che darà così regole certe al futuro commerciale tra Giappone e Europa.

L’accordo eliminerà la maggior parte dei dazi pagati dalle imprese dell’Unione per esportare in Giappone, oltre a una serie di gabelle burocratiche e normative.

Tutela dei prodotti tipici certificati europei, investimento nell’industria a basso impatto ambientale ma anche regolamentazione del commercio con norme e principi standard.

 Insieme rappresentiamo quasi un terzo del Pil mondiale e ribadiamo l’impegno a sostenere i più alti standard in settori quali lavoro, sicurezza, ambiente e la protezione del consumatore; crediamo in un commercio aperto, equo e basato sulle regole: sarà un vantaggio per entrambi i partner.

Così ha commentato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Il nuovo documento è stato poi sottoscritto dal presidente del Consiglio Donald Tusk e dal premier del Giappone, Shinzo Abe.

Ma c’è anche dell’altro…

Il summit a Tokyo è stato l’occasione per poter parlare anche dell’attuale, e delicatissima, situazione internazionale.

I tre leader hanno infatti anche discusso della situazione nel Medio Oriente, della difficile questione tra Ucraina e Russia, ma anche della denuclearizzazione della Corea e dell’accordo sull’energia nucleare in Iran. Temi che, volenti o nolenti, coinvolgono tanto l’Unione europea, quanto il Giappone.

di Omar Porro

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

I danni economici del cambiamento climatico

Numerosi studi hanno contribuito a far emergere le preoccupanti conseguenze che la mancata attuazione di politiche ambientali produrrà sui mercati globali.

L’OPAC conferma l’uso del sarin nell’attacco su Khan Shaykhun

La situazione siriana è un inferno. Capire cosa sta succedendo è doveroso in quanto esseri umani e indispensabile per la comprensione di quei fenomeni...

Da Parigi a Marrakech: cosa sta succedendo ai negoziati sul clima?

Lo scorso 12 dicembre, a Parigi, è stato raggiunto lo “storico” Accordo che per la prima volta vede la quasi totalità dei Paesi impegnarsi per contrastare i cambiamenti climatici. A Marrakech ci sarà il passo successivo.

L’ascesa turca nel Mediterraneo orientale

Dalla Libia a Cipro, la preoccupante militarizzazione del Mediterraneo orientale è in parte dovuta all'aumento della presenza turca nella regione, già destabilizzata...

Le crisi ai tempi di Twitter

Il presidente Trump ha annullato la sua visita in Sud America per capire meglio la situazione in Siria, e decidere il da farsi alla luce degli attacchi chimici avvenuti a Douma.

Cosa accade ora senza accordo sul nucleare

Dopo l'uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare con l'Iran, si attende la risposta dei leaders europei: la posta è il futuro delle relazioni commerciali con un Paese OPEC che potrebbe essere irrimediabilmente compromesso dalle sanzioni americane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi