Il presidente cinese Xi Jinping è arrivato in Africa sabato 21 luglio per una visita di Stato nel continente, in Senegal e poi in Rwanda, prima della sua partecipazione a un vertice delle economie emergenti dei BRICS in Sud Africa che inizierà mercoledì 25 luglio.

In Senegal Xi ha incontrato il presidente Macky Sall e annunciato un rafforzamento dei legami economici con l’Africa, con la firma di alcuni accordi bilaterali.

Il presidente del Senegal Macky Sall, a sinistra, e il presidente cinese Xi Jinping, passano davanti alla guardia d'onore durante una visita di Stato a Dakar, in Senegal, il 21 luglio. Credits to: AP.

Il presidente del Senegal Macky Sall, a sinistra, e il presidente cinese Xi Jinping, passano davanti alla guardia d’onore durante una visita di Stato a Dakar, in Senegal, il 21 luglio. Credits to: AP.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, il Senegal ha registrato una crescita economica del 7,2% l’anno scorso. Il suo più grande partner commerciale è l’Unione Europea, in particolare la Francia, ma più in generale è la Cina il più grande partner commerciale dell’Africa.

Pechino ha infatti inondato il continente di prestiti cinesi a basso costo in cambio di minerali e di enormi progetti di costruzione. Ad esempio, la Cina ha aperto in Gibuti la sua prima base militare nel continente lo scorso anno e questo mese il Gibuti ha lanciato una zona di libero scambio sostenuta dalla Cina che il governo locale ha definito “la più grande in Africa”.

L’Africa è nel bel mezzo di un boom di progetti infrastrutturali, gestiti e finanziati a basso costo dalla Cina, come parte dell’iniziativa Belt and Road di Xi per costruire una rete di trasporti che collega la Cina via terra e via mare ad Asia sud-orientale, Asia centrale, Medio Oriente, Europa e Africa.

La Cina ha impegnato 126 miliardi di dollari per il piano, che è stato elogiato dai suoi sostenitori come fonte di finanziamenti vitali per i Paesi in via di sviluppo. In Senegal, i prestiti cinesi hanno finanziato un’autostrada che collega la capitale Dakar a Touba, la sua seconda città principale, e parte di un parco industriale sulla penisola di Dakar.

Leggi anche: La Cina (ri)costruisce l’Africa.

Ma la presenza cinese non è solo economica: oltre al commercio e ai minerali, la Cina vede l’Africa come una fonte di sostegno politico. La diplomazia cinese è riuscita, a maggio di quest’anno, a far sì che tutti i Paesi africani, tranne lo Swaziland, interrompessero le relazioni diplomatiche con Taiwan. L’ultimo Stato africano a rompere i rapporti diplomatici era infatti stato il Burkina Faso.

Leggi anche: Il Burkina Faso rompe i rapporti con il Taiwan e si avvicina alla Cina.

Secondo i critici però l’Africa si sta caricando di un debito verso la Cina che potrebbe faticare a ripagare, con stime da decine di miliardi di dollari. Ciò potrebbe costringere alcune nazioni africane a cedere alla Cina le partecipazioni di alcune attività strategiche.

di Samantha Falciatori
Samantha Falciatori
Leave a reply

Lascia un commento