Visita in Senegal: il Presidente cinese rafforza i legami con l’Africa

Leggi anche

Il presidente cinese Xi Jinping è arrivato in Africa sabato 21 luglio per una visita di Stato nel continente, in Senegal e poi in Rwanda, prima della sua partecipazione a un vertice delle economie emergenti dei BRICS in Sud Africa che inizierà mercoledì 25 luglio.

In Senegal Xi ha incontrato il presidente Macky Sall e annunciato un rafforzamento dei legami economici con l’Africa, con la firma di alcuni accordi bilaterali.

Il presidente del Senegal Macky Sall, a sinistra, e il presidente cinese Xi Jinping, passano davanti alla guardia d'onore durante una visita di Stato a Dakar, in Senegal, il 21 luglio. Credits to: AP.
Il presidente del Senegal Macky Sall, a sinistra, e il presidente cinese Xi Jinping, passano davanti alla guardia d’onore durante una visita di Stato a Dakar, in Senegal, il 21 luglio. Credits to: AP.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, il Senegal ha registrato una crescita economica del 7,2% l’anno scorso. Il suo più grande partner commerciale è l’Unione Europea, in particolare la Francia, ma più in generale è la Cina il più grande partner commerciale dell’Africa.

Pechino ha infatti inondato il continente di prestiti cinesi a basso costo in cambio di minerali e di enormi progetti di costruzione. Ad esempio, la Cina ha aperto in Gibuti la sua prima base militare nel continente lo scorso anno e questo mese il Gibuti ha lanciato una zona di libero scambio sostenuta dalla Cina che il governo locale ha definito “la più grande in Africa”.

L’Africa è nel bel mezzo di un boom di progetti infrastrutturali, gestiti e finanziati a basso costo dalla Cina, come parte dell’iniziativa Belt and Road di Xi per costruire una rete di trasporti che collega la Cina via terra e via mare ad Asia sud-orientale, Asia centrale, Medio Oriente, Europa e Africa.

La Cina ha impegnato 126 miliardi di dollari per il piano, che è stato elogiato dai suoi sostenitori come fonte di finanziamenti vitali per i Paesi in via di sviluppo. In Senegal, i prestiti cinesi hanno finanziato un’autostrada che collega la capitale Dakar a Touba, la sua seconda città principale, e parte di un parco industriale sulla penisola di Dakar.

Leggi anche: La Cina (ri)costruisce l’Africa.

Ma la presenza cinese non è solo economica: oltre al commercio e ai minerali, la Cina vede l’Africa come una fonte di sostegno politico. La diplomazia cinese è riuscita, a maggio di quest’anno, a far sì che tutti i Paesi africani, tranne lo Swaziland, interrompessero le relazioni diplomatiche con Taiwan. L’ultimo Stato africano a rompere i rapporti diplomatici era infatti stato il Burkina Faso.

Leggi anche: Il Burkina Faso rompe i rapporti con il Taiwan e si avvicina alla Cina.

Secondo i critici però l’Africa si sta caricando di un debito verso la Cina che potrebbe faticare a ripagare, con stime da decine di miliardi di dollari. Ciò potrebbe costringere alcune nazioni africane a cedere alla Cina le partecipazioni di alcune attività strategiche.

di Samantha Falciatori

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dall'archivio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie e tecnologie similari per assicurare ai visitatori un’esperienza ottimale, fornendo informazioni personalizzate, memorizzando le preferenze di marketing e prodotti e facilitando la ricerca delle informazioni appropriate. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni sull’utilizzo di cookie e di tecnologie similari, su come vengono utilizzati e su come gestirli. Questo sito fa riferimento alla normativa sull’uso dei cookies identificabile presso il garante della privacy è possibile approfondire l’uso dei cookies al seguente link seguendo quindi le indicazioni del Garante della Privacy secondo il Registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014. I cookies presenti sul nostro sito potranno essere di tre tipologie: Cookies tecnici, indispensabili al fine della navigazione sul nostro sito e quindi obbligatori nel caso si volesse procedere alla fruibilità delle pagine stesse del sito di Terze parti cioè quei cookies che non gestiamo noi, ma che servono per avvalerci di servizi esterni al nostro sito, che attualmente sono Cookies di Profilazione che sono definiti anche di analytics utili al fine statistico e analisi dei sistemi di navigazione degli utenti all’apertura della pagina web si chiede autorizzazione all’uso e all’installazione dei cookies, se accetti potrai navigare nel nostro sito. La chiusura del banner d’autorizzazione dei cookies mostrerà un tuo assenso all’installazione del cookies stesso. Se volessi eliminare i nostri cookies dal tuo computer, tablet o telefono dovrai procedere con l’eliminazione manuale nel browser di navigazione, seguendo le istruzioni relative a: Gestione Cookies Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it Gestione dei Cookies Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11 Gestione dei Cookies Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie Gestione dei Cookies Safari: http://supporto.teletu.it/assistenza-tecnica/configurazioni/browser-internet/safari/gestione-cookie/

Chiudi